MARINI (M5S) * VITALIZI: « SECONDO PACCHER IL TRENTINO-ALTO ADIGE LI AVEVA GIÀ ABOLITI, DETTA COSÌ SUONA BENE, MA LA VERITÀ È DIVERSA »

Sull’adeguamento dei vitalizi all’intesa Stato-Regioni. Riperimetrazione vitalizi in Trentino-Alto Adige: proprio ieri il Presidente Paccher ha dato una spericolata intervista nella quale ha espresso una serie di considerazioni sulla materia volte a giustificare il ritardo col quale la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol sta affrontando il tema, pur nell’imminenza della scadenza posta dal governo. Su tutte ne scelgo una: secondo Paccher il Trentino Alto Adige/Sudtirol aveva già abolito i vitalizi… detta così suona bene, ma la verità è diversa. Il Trentino AA ha provveduto ad anticipare i vitalizi calcolando la somma da erogare agli ex consiglieri su un aspettativa di vita di molto superiore a quella dei comuni mortali, e pure applicando un tasso d’interesse sontuosamente basso per il calcolo delle attualizzazioni.

Social

Paccher ha poi proseguito invocando la “specialità” della situazione nostrana, visto che si attendeva la sentenza della Corte Costituzionale al ricorso degli ex consiglieri contro i provvedimenti regionali. Detto che si sarebbe potuto prevedere l’esito favorevole della sentenza organizzandosi per tempo, adesso al presidente Paccher diciamo “meno parole, più fatti”.

Se Paccher vorrà essere conseguente con quanto dichiarato ieri ai giornali gli basterà rispondere puntualmente all’interrogazione regionale che ho depositato a inizio mese assieme ai colleghi del M5S Diego Nicolini e Filippo Degasperi. In tal modo tutto i cittadini potranno prendere coscienza della reale volontà dell’amministrazione regionale riguardo ai vitalizi e al tempo stesso conoscere la road map per arrivare alla loro completa e definitiva eradicazione.

Qui il testo dell’interrogazione depositata il 2 maggio scorso: