MATTIA GOTTARDI – PORTAVOCE SINDACI VALDUGA – OSS EMER – GOTTARDI * “FAVORIRE LA NASCITA DI UN MOVIMENTO CIVILE DI CITTADINI”

“Aggregare una solida base popolare mossa da alti ideali dentro un’alleanza in cui ognuno dovrà mettere il proprio mattone di responsabilità per fare del Trentino un luogo del mondo che funzioni meglio, che piaccia e che rispetti l’uomo, l’ambiente e la vita”: fu questo in sintesi l’auspicio-pensiero con il quale la scorsa estate presentammo alla comunità trentina un documento frutto delle riflessioni emerse durante gli incontri condotti nei mesi precedenti da un gruppo di sindaci della nostra provincia.

Sulla scorta di questa promessa di impegno civico abbiamo dato luogo a vari confronti sul territorio trentino, occasioni di relazione diretta e costruttiva con la popolazione, con le realtà associative e con forze politiche.

Il riscontro di questo lavoro è stato incoraggiante ed oggi possiamo  immaginare l’inizio di un percorso nuovo che possa offrire anche sul piano provinciale una proposta amministrativa concreta ispirata in maniera chiara e funzionale al modello civico affermatosi in moltissime municipalità.

Un modello che si propone di partire dalle “buone pratiche”, dall’attenzione ai beni comuni e soprattutto da un approccio post ideologico che aiuterà a rafforzare e qualificare il rapporto fra istituzioni e cittadini dando forza e concretezza all’azione amministrativa, anche del livello sovraordinato.

In questa prospettiva, l’obiettivo nobile non è allora quello di costruire un “partito dei sindaci”, ma favorire piuttosto la nascita di un movimento civile fatto di cittadini e di amministratori uniti da una precisa scelta di metodo che aiuti il confronto e la raccolta di idee nei diversi territori del Trentino.

Un movimento che si riconosce in una dimensione autenticamente territoriale dando concretezza al coinvolgimento diretto della cittadinanza e delle istituzioni locali secondo un criterio di responsabilità condivisa.

La sfida che attende questa nuova esperienza è assieme necessaria ed appassionante: ci proponiamo di ripartire dal basso, guidati da un’idea di cittadinanza che possa generare come antidoto alla profonda crisi di rappresentanza dei partiti una rinnovata passione per la gestione della “cosa pubblica” che in tutti i casi riguarda tutti e ciascuno.

Ma si tratta anche di rilanciare in termini completamente nuovi i temi che più da vicino si connettono con lo sviluppo economico e sociale: l’autogoverno dei territori dentro una dimensione di “autonomia differenziata”, che richiede una nuova impostazione del rapporto centro/periferia e la necessità di un diverso e creativo protagonismo dei cittadini anche nella gestione dei servizi e con particolare attenzione alla gestione delle risorse.

Sulla scorta di questi presupposti avvieremo a breve una fase costituente con l’obiettivo di proporci apertamente alla Comunità provinciale trentina, disponibili a dialogare, dentro perimetri valoriali condivisi, con quelle forze politiche e associative che avvertono uguali necessità di rinnovamento e che assieme potranno collaborare alla costruzione di un futuro migliore e qualificante per la nostra terra.

Mattia Gottardi, primo cittadino di Tione, sarà in questa fase il nostro portavoce, mentre referenti dei vari territori hanno già iniziato a confrontarsi con amministratori, rappresentanti delle attività economiche, delle associazioni e della società civile attraverso incontri che verranno progressivamente intensificati ed allargati.