MANICA RISPONDE AL MINISTRO FRACCARO * TUNNEL DEL BRENNERO: ” SI PREOCCUPI DI FERMARE LA VALDASTICO, AUTOSTRADA INUTILE E COSTOSA “

Il ministro Fraccaro, trentino d’adozione, ha appena dichiarato in visita a Bolzano che i “lavori per il tunnel del Brennero si devono bloccare”. Si potrebbe dire che a differenza del suo collega Toninelli, il Ministro Fraccaro dimostra di conoscere meglio la questione. Oppure, considerate le parole già rimangiate su Ilva, Tap e Tav in Piemonte, si potrebbe commentare con un laconico “certo, come no!!!”.

Ma non è il caso di scherzare, perché a causa di queste continue dichiarazioni e della sua inaffidabilità il governo Salvini-Di Maio sta alimentando contraddittorie aspettative, rallentamenti, confusione, maggiori costi per le Aziende e per i cittadini. In ballo c’è l’attendibilità dell’Italia, già ampiamente compromessa dalle incursioni europee di Salvini, e la capacità dell’Italia di affrontare le sfide economiche, che richiedono una rete infrastrutturale e logistica adeguata e sostenibile.

Qui in ballo c’è il nostro territorio, che sta subendo i danni dell’esagerato trasporto merci su gomma sull’asse del Brennero e che vede nel tunnel del Brennero e nella nuova ferrovia la possibilità di pagare un prezzo ambientale meno elevato pur rimanendo territorio strategico per le connessioni con il nord Europa.

Colpisce inoltre che si contrapponga una mobilità sostenibile al tunnel del Brennero. L’unico modo per risolvere il problema del traffico sull’A22 in maniera decisa è spostare il traffico da gomma a rotaia.

O pensa Fraccaro di costruire un muro al Brennero per far felice il principale azionista del suo governo, Salvini? Da anni discutiamo in Regione sulla soluzione più sostenibile e sulle soluzioni meno impattanti per i territori e per liberare le città di Trento e Rovereto dal traffico di attraversamento, e c’è da chiedersi se l’unica politica dei Cinquestelle sia quella dei No, peraltro smentiti dalla componente leghista del governo, oppure da se medesimi.

Si preoccupi piuttosto Fraccaro di fermare la Valdastico, autostrada inutile e costosa, che Fugatti e la Lega vogliono realizzare, e di investire sulla ferrovia della Valsugana, asse di collegamento necessario tra Nord ed Est anche per il trasporto merci o sul recupero delle ferrovie Rovereto-Riva o nelle valli dell’Avisio.

Questa è la sfida per il Trentino, non la Valdastico!

 

*

Alessio Manica
Consigliere provinciale e Capogruppo del Partito Democratico del Trentino
Candidato alle elezioni provinciali del 21/10/2018