LIA GIOVANAZZI BELTRAMI * “A PASSO D’ORO”: ASSEGNATO A FRANCO NONES IL GRAN PREMIO ALLA CARRIERA IERI SERA A PRAGA

Fine settimana molto intenso per il film documentario sulla vita di Franco Nones, “A Passo d’Oro”: presentato ad Autrans sulle Alpi Francesi, proprio nel luogo della gara di sci fondo delle mitiche olimpiadi del 1968, e a Praga alla premiazione dell’Outdoor International Film Festival dove Franco Nones è stato premiato con il Gran Premio alla Carriera.

Venerdì 8 dicembre A passo d’Oro è stato proiettato nella selezione finale del Festival International du Film de Montagne – Autrans -, con una sala tutta esaurita alla presenza di Franco Nones, la moglie Inger e il produttore Andrea Morghen. Lungo dibattito e tanti autografi hanno coronato la serata.

Proprio ad Autrans 50 anni fa si tenne la 30 km di fondo delle Olimpiadi di Grenoble, 30 km che segnarono la vittoria Franco Nones, il primo oro olimpico non scandinavo del fondo. E Franco Nones, prima della proiezione del film si è recato nel luogo della sua vittoria, allo stadio olimpico del fondo, oggi parco immerso nella neve. Grande è stata la sua emozione nel ricordare i momenti della vittoria.

Ieri sera, sabato 9 dicembre a Praga, si è tenuta la cerimonia di premiazione dell’Outdoor International Film Festival nella splendida sala del teatro cinema Lucerna, capolavoro del Liberty boemo. Erano presenti i registi di A Passo d’Oro, Lia e Alberto Beltrami che hanno ritirato il Gran Premio alla Carriera per Franco Nones.

Così gli organizzatori del festival: “Vedere le immagini d’archivio della vittoria di Nones ad Autrans, Grenoble, è stato emozionante, ma lo è stato molto di più vedere le scene di oggi. La sciata di Franco Nones a distanza di 50 anni è sempre straordinaria e appassiona ogni sciatore. Per quanto il film ha saputo raccontare ed esprimere nella bellezza delle immagini, abbiamo deciso di assegnare questo prestigioso riconoscimento”.

 

*

Premi

Best Olympic Values Côte d’Azur Sport Film Festival FICTS

“Mention d’Honneur” Sports Movies And Tv MILANO,

Award fo Life International Festival of Outdoor Film REP.CECA

 

*

In finale ai festival:

Llanberis Adventure & Mountain Film Festival Galles SEMI FINALIST – 9 marzo

Sestriere Mountain Film festival, 31 luglio

Swiss Mountain Film festival, 8 agosto

International Mountain Film festival USHUAIA, Argentina, 23 agosto

Vasteräs Film Festival Svezia, 17 settembre

Festival International du Film de Montagne d’Autrans FRANCIA 8 dic

Nuovi Mondi Film Festival, Valloriate 3 dicembre

Film documentario, 2017 45 min. Regia Lia e Alberto Beltrami

Direttore della Fotografia Denis Morosin Produttore Andrea Morghen

Una produzione di Aurora Vision con la collaborazione del Gruppo Sportivo Fiamme Gialle della Guardia di Finanza

 

 

*

Sinossi
1968: la neve di Grenoble si tinge per la prima volta d’oro per un fondista non scandinavo. E Franco Nones entra nella leggenda degli sport invernali.

Nato in Val di Fiemme in Italia nel 1941, dopo un inizio come ciclista, si dedica allo sci di fondo. Viene arruolato nelle Fiamme Gialle e dimostra fin dagli inizi la stoffa del campione. La sua carriera sportiva è tutta in crescendo: vince nella staffetta il primo campionato italiano nel 1960, e seguiranno 15 titoli nazionali.

Seguono vittorie e ottimi piazzamenti in tutte le più importanti classiche nei Paesi Scandinavi. Partecipa alle Olimpiadi di Innsbruck nel 1964 con un 5° posto nella staffetta e 10° nella 15 km. Nel 1966 a Oslo vince il bronzo sempre nella staffetta.

Sicuro della sua tenacia, nel 1968 si presenta alle Olimpiadi di Grenoble. Nessuno scommette su un italiano, tutti gli occhi sono puntati sui nordici. Ma il suo impegno, la sua grinta, la sua tenacia, vengono premiati… Taglia per primo il traguardo della 30 km ed entra nella storia dello sci di fondo.

Intanto, grazie al suo esempio, lo sci di fondo si impone come sport invernale anche in Italia e la val di Fiemme diviene uno dei luoghi ideali. Vengono promosse le prime piste, e nascono le prime gare importanti, come la Marcialonga, che diverrà una delle più importanti al mondo.

Franco è consapevole di aver dato avvio a un’avventura molto più grande della sua storia di singolo, ma mantiene l’umiltà che è dei grandi. Si sposa con la svedese Inger e continua il suo impegno a favore dello sport, creando il trofeo Topolino in val di Fiemme e collaborando per lo sviluppo dello sci di fondo.

L’avventura sportiva di Franco Nones è riflesso della storia di tutta una vita vissuta con coraggio nel lavoro e nella famiglia e nella fede. Un percorso che può aiutare i giovani a trovare un senso e un’ispirazione.

Il racconto si sviluppa nelle memorie dello stesso Franco Nones, la moglie Inger, e con i contributi di amici e collaboratori come Umberto Macor, primo allenatore delle Fiamme Gialle, il giornalista Giorgio Brusadelli, Padre Serafino Tognetti, Roberto Campaci, Pietro De Godenz e Cristian Zorzi.

 

https://www.facebook.com/A-passo-doro-1411483068880582/