LE IENE * ELEZIONI 2018 ITALIANI ALL’ESTERO: ANCORA IMMAGINI ESCLUSIVE DELLO SPOGLIO A CASTELNUOVO DI PORTO, TESTIMONIANZA SHOCK DI UNA SCRUTATRICE

Ieri, domenica 11 marzo, in prima serata su Italia 1, a “Le Iene Show”, Filippo Roma è tornato a occuparsi dei possibili brogli alle Elezioni Politiche 2018 nel voto degli italiani all’estero.

 

Di seguito il link per visualizzare il servizio:

 

 

Dopo la messa in onda della seconda parte dell’inchiesta (mercoledì 7 marzo 2018, ndr) in cui venivano documentate possibili irregolarità a Castelnuovo di Porto, centrale di raccolta e spoglio delle schede che arrivano dall’estero, Filippo Roma incontra una scrutatrice e una rappresentante di lista che raccontano di presunte anomalie alle quali avrebbero assistito.

 

La prima, scrutatrice nel seggio competente per l’Argentina, chiede di restare anonima.

Iena: Perché non ti vuoi far vedere?
Scrutatrice: Perché in seguito al tuo servizio mi sono resa conto che anche nel mio seggio si sono svolte delle irregolarità e io per prima come scrutatrice potrei essere perseguibile penalmente.

Iena: Che tipo di irregolarità hai visto?
Scrutatrice: Le stesse irregolarità che si sono svolte nel seggio di Colonia.

Ma chi è che ha detto alla scrutatrice di seguire questa procedura irregolare?
Scrutatrice: Il Presidente e il segretario.

Iena: Quindi, erano i primi ad essere impreparati?
Scrutatrice: Sì, assolutamente.

Iena: Poi ha riscontrato altre irregolarità?
Scrutatrice: Avremmo dovuto contare tutte le schede, ma una volta aperte le buste mi hanno detto che non c’era tempo. Dopodiché, nel mio seggio mancavano quattro schede che sono sparite e abbiamo detto “ok, chissenefrega”.

Iena: Ci sono dei voti che non andavano annullati?
Scrutatrice: Alcuni sì, uno abbastanza clamoroso che abbiamo annullato. Il Presidente ha aperto una delle buste e si è strappata la scheda e poi successivamente ha detto “che facciamo? Scriviamo che l’ho strappata io? Non possiamo, quindi annulliamo il voto e facciamo come se fosse arrivata già strappata”.

Iena: Però aveva dei problemi e ha annullato il voto, insomma…
Scrutatrice: Sì. Io quando ho visto il tuo servizio mi ero dispiaciutissima, è colpa anche mia se ci sono state tutte queste irregolarità. Quindi mi immagino che se ogni seggio lavora in questo modo, cambiano i risultati delle elezioni.

*

La seconda è Adele Castellaccio, candidata M5S nella circoscrizione Oceania che, durante lo spoglio dei voti esteri, faceva anche la rappresentante di lista proprio nei seggi della Germania.

Castellaccio: Oggi all’estero non abbiamo ancora i risultati definitivi e penso sia abbastanza inquietante, soprattutto perché non sappiamo insomma cosa sta avvenendo.

Iena: Quanti sono i seggi ancora aperti?
Castellaccio: Nella mia ripartizione ci sono almeno una decina di Paesi che non risultano scrutinati. Ce ne sono altri con più presenza di italiani che sono ancora in corso. Non si hanno ancora risposte definitive.

Iena: La Germania è stata chiusa o è ancora aperta?
Castellaccio: Anche la Germania, ancora Europa, è ancora aperta.

Iena: Come mai tutto sto tempo per terminare le operazioni di spoglio?
Castellaccio: Vorremmo saperlo anche noi.

Iena: La procedura prevista dal Ministero dell’Interno è stata seguita?
Castellaccio: Nella maggior parte dei casi, no.

Iena: Tu sta cosa gliel’hai fatta notare al Presidente di seggio?
Castellaccio: Assolutamente sì e la risposta era sempre la sempre la stessa: “ci fate perdere tempo, ci volete far fare mattina”, quando invece avevano in mano la nostra democrazia.

Iena: Quindi devono sbrigarsi, insomma?
Castellaccio: Sì, e in alcuni casi abbiamo dovuto chiamare le forze dell’ordine.

Infine, la Iena – a una settimana dallo scrutinio- torna a Castelnuovo di Porto dove, stando alle immagini mostrate, lo spoglio dei voti all’estero non sarebbe ancora stato concluso. Nel video si vedono pacchi di voti abbandonati, senza custodia e in sacchi non sigillati. L’inviato, quindi, fa notare come chiunque potrebbe rendere nulli centinaia di voti, aggiungere o sottrarre schede elettorali.