LAV * IMPUGNAZIONE ANNUNCIATA MINISTRO COSTA: “ORA STOP A MALGOVERNO IN TEMA DI AMBIENTE “

A sole poche ore dall’approvazione delle leggi-propaganda delle Province di Trento e Bolzano che davano il via libera all’uccisione di lupi e orsi, questa mattina il Ministro Costa annuncia la presa di posizione netta di questo Governo: le due leggi violano un principio costituzionale e per questo saranno impugnate.

Subito dopo l’approvazione delle due leggi, la Lav era intervenuta chiedendo l’intervento del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro dell’Ambiente. Ieri l’annuncio del Ministro Costa conferma quanto l’associazione aveva sostenuto fin dal suo intervento nelle audizioni in Commissione Consiliare di Trento: la legge ammazza orsi e lupi è del tutto illegittima.

“Siamo particolarmente soddisfatti dalla presa di posizione di questo Ministero dell’Ambiente che segna una netta rottura rispetto all’amministrazione precedente – dichiara Massimo Vitturi, responsabile Lav Animali Selvatici – per tutelare le attività umane esercitate sul territorio occupato da lupi e orsi, esistono strumenti di prevenzione efficaci e non cruenti, non è accettabile che l’unica soluzione proposta dalle due amministrazioni provinciali si limiti a dare via libera alle uccisioni degli animali.”

Nella prospettiva delle elezioni che si terranno a ottobre nelle province autonome, le due leggi rispondono solamente a logiche elettorali e le aule consiliari lo hanno dimostrato, trasformandosi da luogo di dibattito sui contenuti a passerella dei partiti tutti impegnati, con qualche lodevole eccezione, nel tentativo di attrarre le simpatie di coloro che vorrebbero lo sterminio degli animali.

“Per mettere finalmente a tacere gli estremisti “ammazzatutto” è necessario che il Piano Nazionale sul lupo sia finalmente approvato escludendo il capitolo che prevede l’uccisione degli animali – conclude la Lav – è tempo di rivoluzionare l’approccio culturale alla convivenza con gli animali selvatici, i fucili, i cacciatori e i loro sostenitori hanno da tempo dimostrato tutta la crudeltà e l’inefficacia del loro approccio.”