GRUPPO UPT – CONSIGLIO PAT * QUESTION TIME: SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA – OSPEDALE CAVALESE – FONDO FORESTE E PROTEZIONE NATURA

Lo scorso 7 marzo è stato approvato, con sole sei astensioni, il disegno di legge 18 gennaio 2018, n. 226, dedicato alla semplificazione amministrativa. Un testo di 9 articoli frutto delle modificazioni della Legge provinciale sull’attività amministrativa del 1992, della Legge provinciale sulla valutazione d’impatto ambientale 2013 e della Legge provinciale per il governo del territorio 2015.

Un testo snello in undici articoli, pensato per superare le criticità legate ai percorsi amministrativi (in particolare urbanistici) e alla complessità della «macchina» burocratica nelle dinamiche tra cittadini, imprese, Pubblica Amministrazione. Obiettivi concreti: tempi più veloci, modi più semplici, certezza della conclusione delle pratiche, rafforzamento del ruolo dei funzionari comunali (con apposita formazione specifica) in una dimensione di «sportello unico».

Le nuove disposizioni vincolano gli enti locali a stabilire, entro sei mesi, le norme attuative della legge attraverso un proprio regolamento. Si interroga la Giunta provinciale per sapere a che punto è l’iter degli adempimenti relativi alla fase di comunicazione e informazione alle strutture provinciali interessate e ai singoli comuni.

cons. Gianpiero Passamani

 

 

*

Le importanti questioni riferite all’ospedale di Cavalese – sia per quanto attiene al pieno ritorno in attività del Punto nascite 24 ore su 24 7 giorni su 7, sia per il potenziamento dei servizi sanitari in essere al servizio dei territori di Fassa, Fiemme, Cembra e Primiero – continuano giustamente ad essere al centro dell’agenda della nostra azione politica.

Si tratta a nostro avviso di continuare a operare, lontano dai clamori dei giornali e senza sensazionalismi, per fare in modo che il grande lavoro fatto da tutti gli attori coinvolti con il supporto e la regia dell’assessorato alla Salute e del Consiglio provinciale porti a declinazioni originali ed efficaci nella gestione della sanità in montagna.

Su tali basi, si è evidenziato negli scorsi giorni l’impegno da parte della Apss per l’assunzione di 5 ostetriche e 6 infermiere, pensato proprio per la piena riapertura del Punto nascite e il rafforzamento dell’organico del nosocomio fiemmese. Pertanto si interroga l’assessore competente per sapere a che punto sia l’iter di attivazione di queste assunzioni e entro quanto tempo le nuove risorse potranno prendere servizio presso l’ospedale di Cavalese

cons. Pietro De Godenz

 

 

*
La legge di stabilità provinciale 2018 ha abrogato (art. 42, comma 11), con decorrenza 1.01.2018, gli artt. 93, 94 e 95 della l.p. 11/2007 (legge provinciale sulle foreste e sulla protezione della natura), riguardanti il fondo forestale provinciale, oggetto, tra l’altro di disciplina regolamentare. La soppressione di tale fondo, largamente apprezzato ed utilizzato dagli enti locali, è da correlare al d. lgs. n. 118/2011 in materia di armonizzazione dei sistemi contabili delle gestioni fuori bilancio.

La materia è stata ridisciplinata dall’art. 91 bis della l.p. 11/2007, prevedendo l’obbligo da parte degli enti locali di versare sul bilancio provinciale una quota degli introiti derivanti dalle utilizzazioni boschive ed il vincolo per la Provincia di utilizzare tali somme esclusivamente per l’esecuzione di interventi di miglioramento e compensativi.

L’art. 91 bis prevede (comma 4), l’adozione da parte della Giunta provinciale di una deliberazione finalizzata ad individuare, tra l’altro, le tipologie di interventi di miglioramento finanziabili, le spese ammissibili, nonché le modalità di concessione ed erogazione del finanziamento, rendendo così operativa la disciplina legislativa dettata dall’art. 91 bis. Ciò premesso, si chiede all’ass. competente a che punto sia l’iter della citata deliberazione e i relativi tempi di adozione.

cons. Mario Tonina