GRUPPO CONSILIARE UPT – PAT * QUESTION TIME: COLLABORAZIONE CONI-APT, OSPEDALI DI VALLE, SS 421 E SP 37

CONS. PASSAMANI: PROMUOVERE COLLABORAZIONE TRA CONI E APT PER LA CRESCITA E LA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO TRENTINO

Sport e turismo costituiscono ormai un incontestato binomio vincente dalle grandi potenzialità di sviluppo. Il turismo sportivo è infatti sempre più capace di innescare il circolo virtuoso che permette di promuovere una destinazione come meta turistica, attirare persone, migliorandone di fatto l’offerta ricettiva, ristorativa e commerciale. In termini di sviluppo locale poi, ripensare e promuovere un’area come destinazione sportiva, diventa sempre più una strategia di marketing territoriale, capace di ampliane sensibilmente le potenzialità come attrattore turistico.

Considerando che il Coni, in quanto Ente nazionale istituzionalmente preposto alla diffusione e organizzazione dello sport sostenendo eventi e manifestazioni, e le Apt, quali soggetti deputati alla promozione dell’immagine turistica del territorio, riconoscono e valorizzano le medesime attività come veicoli fondamentale di promozione turistica, chiedo alla Giunta se intende favorire strategie di collaborazione fattiva tra i due soggetti in questione, Coni e Apt, attraverso collaborazioni sotto forma di protocolli d’intesa, che impegnino le diverse capacità e competenze delle parti in questione, ad una collaborazione sinergica e formalizzata, per la crescita e la valorizzazione del nostro territorio.

 

*

CONS. DE GODENZ: OSPEDALI DI VALLE, COME TUTELARE SICUREZZA DI MADRI E FIGLI MINORENNI TRASPORTATI IN AMBULANZA?

Negli scorsi giorni è stata riportata dai media la notizia di un calvario vissuto da una madre che, in seguito ad un’emergenza, recandosi con il figlio di un mese al Pronto Soccorso di Cavalese si è dovuta poi sobbarcare un viaggio in auto da Cavalese a Trento non potendo salire sull’ambulanza a causa di un sedile rotto. Ora, fermo restando come il trasporto sia avvenuto nel rispetto degli standard, sono proprio questi che devono essere messi in discussione e “cuciti”, lo abbiamo detto spesso – anche nella nostra proposta di riorganizzazione inviata a Roma – sulle necessità di un territorio di montagna.

A prescindere dalla normativa o dagli spazi disponibili su un’ambulanza, rimane il fatto che per dei genitori angosciati per il proprio figlio viaggiare dalla Valle di Fiemme a Trento sia già di per sé esporsi ad un rischio importante, cui vanno aggiunti paura, distacco e frustrazione. Pertanto si interroga l’assessore alla salute per sapere come l’assessorato e l’Apss intendano procedere per aumentare la sicurezza negli spostamenti dei pazienti trasportati, con particolare sensibilità per le necessità dei minori e delle madri, fermo restando la necessità di stimolare una risposta da Roma per procedere con la riapertura del Punto nascita di Cavalese onde ridurre al minimo possibile eventuali trasporti e relativi disagi.

 

 

 

*

CONS. MARIO TONINA: MIGLIORARE L’INTERSEZIONE TRA LA SS 421 E LA SP 37 IN LOCALITA’ LAGO DI TENNO

Percorrendo la strada statale in località Lago di Tenno nei pressi dell’Albergo Club Hotel Lago, all’altezza dell’intersezione tra la SS 421 dei laghi di Molveno e Tenno e la SP 37 del Monte Tombio, considerata la presenza di diversi accessi a parcheggi, ad attività turistiche, nonché a strade comunali prospicenti sullo stesso incrocio, si riscontrano, soprattutto in alcuni periodi dell’anno, criticità dal punto di vista viabilistico aggravate dall’attraversamento di pedoni non regolamentato. Ciò è dovuto al crescente afflusso turistico sia estivo che invernale che è aumentato sensibilmente negli ultimi anni sia per l’incremento di persone in visita all’apprezzatissimo lago, che ai rinomati mercatini di Natale di Canale, borgo tra l’altro annoverato tra i più belli d’Italia.

Al fine di migliorare la viabilità e i flussi di traffico nel tratto stradale in questione, viste anche le preoccupazioni dell’amministrazione comunale, sarebbe auspicabile valutare quanto prima una soluzione per mettere in sicurezza l’incrocio, considerato che nei periodi di maggiore affluenza si raggiunge un passaggio giornaliero superiore ai 4000 veicoli. Tutto ciò premesso, si chiede all’Assessore competente se intenda adottare degli interventi presso l’innesto della SP 37 del Monte Tombio sulla SS 421 dei Laghi di Molveno e Tenno e in caso positivo con quali tempi, visto l’approssimarsi della stagione estiva che comporterà l’ormai consolidato transito di veicoli.