FUGATTI * PUNTO NASCITE CAVALESE: “ZENI NON DÀ GARANZIE DI RIAPERTURA A BREVE, ORA C’E’ IL RISCHIO REALE CHE I MEDICI SE NE VADANO”

Nei giorni scorsi con i colleghi Bezzi e Cia ci siamo recati davanti all’ospedale di Cavalese denunciando il fatto che se a breve termine non fosse annunciata dall’Azienda Sanitaria una data certa di riapertura del punto nascite, si corre il rischio che i medici che finora avevano dato la loro disponibilità a lavorare a Cavalese possano scegliere altre strutture, proprio per la mancanza di certezze sul punto nascite di Cavalese.

Successivamente ci è arrivata la risposta alla nostra interrogazione n.5094 del 26 settembre 2017, dalla quale si evince chiaramente che purtroppo non c’è nessuna certezza sulla riapertura del punto nascite.

Scrive infatti in tale documento l’assessore Luca Zeni che “la messa a regime dell’organico risulta difficoltosa” e che “fino al completamento della equipe non sarà possibile concordare con il Ministero della Salute le modalità di riapertura del punto nascite di Cavalese”.

Se quindi a fronte di tale risposta nelle prossime settimane i medici che avevano dato la loro disponibilità a rimanere a Cavalese avendo garanzie sulla riapertura del punto nascite opteranno per altri ospedali, saranno chiari i responsabili politici di tale situazione che rischia definitivamente di mettere una pietra tombale sulla riapertura del punto nascite.

 

*

Cons. prov. Maurizio Fugatti

Gruppo consiliare Lega Nord Trentino

 

 

 

 

 

int 5094 _Sull’assetto del servizio di ginecologia e pediatria dell’ospedale di Cavalese e sulla riapertura del punto nascita

 

 

 

risp.int 5094 _assetto del servizio di ginecologia e pediatria ospedale Cavalese