FUGATTI * “BLOCCATE LE SOSTITUZIONI DEI MEDICI DI BASE: LA PROVINCIA SI ATTIVI SUL SINDACATO PER OTTENERE LA DEROGA”

In occasione della discussione del bilancio provinciale e della legge di stabilità, il Consigliere Fugatti nella mattina odierna ha rimarcato la necessità da parte della Provincia di avviare un’azione di moral suasion nei confronti dei sindacati affinché, tenuto conto della conformazione orografica del territorio e delle esigenze dei cittadini (in particolar modo degli anziani), si provveda a derogare il numero di pazienti per medico di base.

Pur sapendo che la materia è regolata da disposizioni nazionali, la Provincia non può perseguire la strada del silenzio e del disinteressamento tenuto anche conto delle voci che in questi giorni si sono levate in alcuni territori (Mezzocorona, Roverè della Luna e Brentonico) che si sono trovati in queste settimane a dover affrontare la sostituzione di un medico di base.

Il Cons.Fugatti ha sottolineato che un assistito ha il diritto di poter scegliere liberamente il proprio medico di base dato che il rapporto si dovrà basare sulla fiducia e non vedersi imposta una scelta per mere leggi in atto.

Ecco perché è necessario che la Provincia si faccia portatrice delle istanze dei territori, richiedendo al sindacato un confronto sulla questione, trattando quindi anche sulle possibili deroghe da applicare a quanto oggi previsto.

Nei giorni scorsi è stato casualmente sottoscritto un accordo tra Provincia e sindacati dei medici che prevede un investimento di risorse pari a 16 milioni in 5 anni.

Da parte nostra non intendiamo minimamente entrare nel merito di tale accordo; facciamo solo presente che alla luce della mole di risorse pubbliche investite l’Assessorato competente potrebbe forse svolgere la cosiddetta forma di “moral suasion” sul sindacato dei medici, al fine di ottenere la deroga per i territori interessati dal problema.

 

*

Cons. prov. Maurizio Fugatti

Gruppo consiliare Lega Nord Trentino