DOLOMITI ENERGIA HOLDING SPA * PROPOSTA BILANCIO 2017: OK DEL CDA, RISULTATO DI ESERCIZIO CONSOLIDATO A 34,9 MLN (65,6 DI EURO NEL 2016, -46,8%)

Dolomiti Energia Holding SpA: il Consiglio di Amministrazione ha approvato la proposta di bilancio relativa all’esercizio 2017.

· Totale ricavi e proventi consolidato a 1.426 milioni di euro (1.385,3 milioni di euro nel 2016, +2,9%);
· Margine operativo lordo consolidato (EbitDa) a 125,3 milioni di euro a fronte di un risultato pari a 183,7 milioni di euro nel 2016 -31,8%);
· Risultato operativo consolidato (Ebit) a 72,4 milioni di euro (128,2 milioni di euro nel 2016, -43,5%);
· Risultato di esercizio consolidato a 34,9 milioni di euro (65,6 milioni di euro nel 2016, -46,8%);
· Indebitamento finanziario netto a 413,5 milioni di euro (419,1 nel 2016, -1,3%).

Il Consiglio di Amministrazione di Dolomiti Energia Holding, presieduto da Rudi Oss, ha approvato oggi i risultati 2017 del Gruppo Dolomiti Energia. In un contesto macroeconomico in miglioramento, il bilancio 2017 si chiude con risultati positivi, anche se in flessione rispetto all’esercizio precedente. Tale riduzione è principalmente dovuta ad una contrazione della marginalità del settore idroelettrico, fortemente penalizzato da un andamento meteorologico negativo che ha portato ad un livello di produzione molto basso, nella maggior parte dei casi addirittura inferiore ai minimi storici.

La situazione finanziaria del Gruppo si conferma solida e adeguata per supportare l’andamento futuro delle attività industriali.

 

*

Bilancio consolidato di Gruppo al 31 dicembre 2017: principali dati economico-finanziari (milioni di euro)

Questi in sintesi i principali dati di bilancio dell’esercizio 2017. Il perimetro di consolidamento del Gruppo include la Capogruppo Dolomiti Energia Holding, Set Distribuzione, Dolomiti Energia, Dolomiti Energia Rinnovabili, Novareti, Depurazione Trentino Centrale, Dolomiti Energia Trading, Nesco (dal 1 luglio a seguito dell’acquisto del 100% della quota), Dolomiti GNL, Hydro Investments Dolomiti Energia, Hydro Dolomiti Energia e Dolomiti Ambiente. I risultati di Dolomiti Edison Energy e di SF Energy vengono invece contabilizzati nel bilancio con il criterio del patrimonio netto.

Gli investimenti effettuati nel 2017 ammontano a 42,5 milioni di euro. Gli investimenti più importanti riguardano gli interventi per efficientare impianti e reti di distribuzione in tutti i territori serviti dal Gruppo, gli impianti di produzione e le attività finalizzate a potenziare i servizi a disposizione dei clienti finali, oltre a quelle richieste per l’adeguamento di tutte le società del Gruppo alle normative di settore.

Questi investimenti, assieme al costante affinamento delle tecniche di misura e di trasmissione dei dati, all’installazione di impianti tecnologicamente all’avanguardia per la verifica, la simulazione e l’ottimizzazione degli assetti di rete, hanno permesso di ottenere costanti miglioramenti nella qualità del servizio: in particolare una continua diminuzione del numero e della durata delle interruzioni sulla rete con un conseguente vantaggio per tutti i cittadini serviti.

Per quel che riguarda l’aspetto industriale, con riferimento ai principali settori di attività, il Gruppo evidenzia i seguenti risultati:
 

*

PRODUZIONE ELETTRICA
Produzione idroelettrica: La produzione idroelettrica di Dolomiti Energia Holding, Dolomiti Edison Energy, Hydro Dolomiti Energia e SF Energy è pari a 2,4 miliardi di kWh, in diminuzione rispetto ai 3,4 miliardi di kWh del 2016, dovuto alla scarsa idraulicità dell’anno oltre che agli importanti lavori di manutenzione effettuati nella prima parte dell’anno sull’impianto di Santa Massenza (Lago di Molveno). Tale livello è significativamente inferiore rispetto alle medie storiche.

Produzione termoelettrica: La produzione termoelettrica, prevalentemente da cogenerazione, ha generato 175 milioni di kWh (103 milioni di kWh nel 2016). L’aumento è derivato in particolare dal maggior funzionamento dell’impianto di Salionze, posseduto in comproprietà con A2A, Agsm Verona e Aim Vicenza.
 

*

RETI DI DISTRIBUZIONE
Energia elettrica: il Gruppo ha distribuito 2,4 miliardi di kWh in linea rispetto ai valori 2016. La rete di distribuzione elettrica si estende oggi per 10.760 Km, rispetto ai 10.684 Km del 2016.

Gas naturale: nel 2017 sono stati distribuiti 287,4 milioni di metri cubi di gas con un aumento rispetto ai 279 milioni di metri cubi del 2016, crescita dovuta all’andamento climatico più rigido nei mesi invernali. La rete si estende per 2.369 Km rispetto ai 2.357 km del 2016.

Ciclo Idrico Integrato: nel 2017 i quantitativi di acqua immessi nella rete lunga 1.271 km (1.267 nel 2016) sono risultati pari a 31,7 milioni di metri cubi rispetto ai 34,3 del 2016. L’acqua è stata distribuita a un totale di quasi 82.000 mila utenze (81.300 nel 2016).
 

*

VENDITA
Energia elettrica: il Gruppo ha commercializzato ai clienti finali quasi 4,5 miliardi di kWh, un dato in linea rispetto al 2016. I clienti energia elettrica sono quasi 430.000.
Gas naturale: nel settore gas sono stati venduti ai clienti finali 483 milioni di metri cubi di gas nel 2017 a fronte dei 520 milioni del 2016. I clienti sono oggi 184.400.

L’andamento dell’attività commerciale ha consentito di aumentare i clienti serviti per energia e gas, portando il loro numero a oltre 614.000.

Un incremento significativo se si considera la contemporanea scadenza della gara Consip Energia Elettrica le cui forniture sono destinate a terminare completamente durante il 2018.

Un risultato ottenuto anche grazie al progetto “Etika” che ha registrato, oltre al successo in termini di sottoscrizione, importanti ricadute per le attività di natura sociale collegate.
Il fatturato relativo alle vendite di gas naturale a clienti finali è salito del 8,2% e il fatturato energia elettrica del 5,5%.
 

*

ALTRE ATTIVITÀ
Laboratorio: nel corso del 2017 il laboratorio (controllo di potabilità dell’acqua, delle falde, delle acque reflue e di depurazione) ha svolto oltre 17.830 esami, in linea con il dato degli esercizi precedenti, dei quali il 50% per conto terzi.

Cogenerazione e teleriscaldamento: nel corso del 2017 sono stati erogati 145,3 GWh di calore, vapore e raffrescamento, un aumento rispetto ai 142 GWh del 2016 dovuto alle condizioni climatiche. Il dato comprende anche quanto destinato alle industrie.

Area Ambiente: si registra una percentuale di raccolta differenziata in crescita con una media salita nel 2017 a Trento a quota 81,3% e al 78,6% a Rovereto, raggiungendo valori record per città di queste dimensioni. Complessivamente nell’esercizio sono state raccolte 69.440 tonnellate di rifiuti fra differenziati e indifferenziati (69.500 nel 2016). Anche nel 2017 si è registrata una riduzione delle quantità di rifiuti urbani conferiti in discarica che sono diminuiti da 14.800 tonnellate del 2016 a 14.600 tonnellate del 2017.

I positivi risultati registrati dalla gestione caratteristica sono stati possibili grazie agli sforzi di tutta l’organizzazione rivolti al continuo miglioramento dell’efficienza operativa e della qualità dei servizi erogati. L’anno è stato segnato dalle difficoltà contingenti della produzione idroelettrica (a causa principalmente della mancanza di precipitazioni), mentre in crescita sono i risultati delle altre attività, in particolare delle attività regolate di distribuzione gas ed energia elettrica.

Positivi anche i risultati del comparto relativo alla vendita di prodotti energetici, anche se inferiori allo scorso anno che aveva beneficiato di una favorevole situazione di mercato. Nell’insieme le attività del Gruppo hanno consentito il mantenimento di buoni livelli di redditività, confermando la bontà delle scelte strategiche di diversificazione del portafoglio dei business gestiti. Anche nel 2017 il settore della distribuzione elettrica ha beneficiato dei premi assegnati dall’Autorità per i livelli di qualità e sicurezza raggiunti dal Gruppo nella gestione delle reti.

Tali riconoscimenti sono stati ottenuti grazie ad una politica di investimenti mirati sulle reti di distribuzione che hanno portato a continui miglioramenti strutturali dell’affidabilità e della sicurezza delle reti stesse in tutto il territorio della Provincia di Trento.

Il Consiglio di Amministrazione della Società proporrà all’Assemblea ordinaria degli Azionisti l’approvazione del bilancio d’esercizio 2017 e la distribuzione – con pagamento a partire dal 15 giugno 2018 – di un dividendo pari a 0,07 euro per azione (pari a quello del 2016), con un rapporto fra dividendi e utile netto consolidato (pay out) pari al 75,8%. Complessivamente si tratta di 26,5 milioni di euro.

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di convocare l’Assemblea ordinaria degli Azionisti per l’approvazione del Bilancio il 27 aprile 2018.

Il Responsabile amministrativo preposto alla redazione dei documenti contabili societari Michele Pedrini dichiara – tenuto conto di quanto previsto dalla normativa vigente – che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

 

*

Indicatori Alternativi di Performance
Nel presente comunicato stampa vengono utilizzati alcuni “indicatori alternativi di performance” non previsti dai principi contabili internazionali così come adottati dall’Unione Europea (IFRS-EU), ma che il management di Dolomiti Energia Holding SpA ritiene utili per una migliore valutazione e monitoraggio dell’andamento della gestione economico-finanziaria di Dolomiti Energia Holding SpA e del Gruppo. In linea con quanto raccomandato negli Orientamenti pubblicati in data 5 ottobre 2015 dall’European Securities and Markets Authority (ESMA) ai sensi del Regolamento n. 1095/2010/EU e incorporati da Consob nelle proprie prassi di vigilanza con comunicazione no. 92543 del 3 dicembre 2015, si riportano di seguito il significato, il contenuto e la base di calcolo di tali indicatori alternativi di performance: – EBITDA (o Margine operativo lordo) è un indicatore alternativo di performance operativa, calcolato come la somma del “Risultato operativo netto” più gli “Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni”;
– Indebitamento finanziario netto è un indicatore della propria struttura finanziaria. Tale indicatore è determinato quale risultante dei debiti finanziari al netto delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti e delle attività finanziarie correnti e non correnti (crediti finanziari e titoli diversi da partecipazioni).