DE BERTOLDI * RAPPORTO TRENTINO E ALTO ADIGE: ” IMPROVVISA PRESA DI COSCIENZA DA PARTE DEL PD DI UN TEMA FONDAMENTALE, LA DIGNITÀ POLITICA ED ISTITUZIONALE “

Leggendo stamane le dichiarazioni dell’onorevole Palermo, che, ribadendo integralmente il -leit motiv- della mia campagna elettorale, argomentava la necessità per la nostra Provincia di “cercare di affrancarsi dalla Svp a cui dei trentini non interessa granchè …” e quindi ribadiva che “ occorre che il rapporto tra Svp e Trentino venga rimesso su un piano di parità…”, sono stato tentato dal richiedere i diritti d’autore!

Ma avendo sempre ritenuto che – quando vedi la tua verità fiorire sulle labbra del tuo avversario, devi gioire, perchè questo è il segno della vittoria-, non posso che rallegrarmi per l’improvvisa presa di coscienza da parte del Pd di un tema fondamentale nel rapporto tra il Trentino e l’Alto Adige: la dignità politica ed istituzionale.

Se gli ultimi quindici anni hanno infatti segnato un divario profondo tra le nostre Province in quasi tutti gli indicatori economici e finanziari, e sempre a danno del Trentino, ciò è infatti dovuto al palese rapporto di sudditanza e subalternità, che, non solo il Patt, ma, ed è ben più grave, l’intero Trentino ha tenuto con la Svp e l’Alto Adige; siamo di fatto divenuti una succursale sotto protettorato, piuttosto che una periferia dell’-impero- sudtirolese.

C’è insomma voluta la netta vittoria del Centrodestra Autonomista per far emergere la necessità di un riposizionamento delle due Province in un’ottica di pari dignità.

Naturalmente non ci tireremo indietro, ma anzi ci impegneremo con tutte le nostre forze per completare il rinnovamento della politica trentina alle prossime elezioni amministrative d’autunno, ed allora sapremo compiutamente restituire al nostro popolo l’orgoglio di non essere succube di alcuno, a nord come a sud!

Per quanto mi riguarda continuerò in sede parlamentare ad approfondire, e possibilmente a migliorare, le sinergie e le collaborazioni con i colleghi della Svp, ma nella fiera consapevolezza che nessuno dovrà calpestare la nostra dignità, e men che meno potrà pensare ad un Trentino etero diretto da Bolzano.

 

*

Andrea de Bertoldi
Senatore di Trento Fdi – Centrodestra Autonomista