PAT - LA RICERCA IN TRENTINO

- ARTE SELLA -

Nel video gli interventi di:
MAURIZIO FUGATTI (presidente Provincia autonoma di Trento)
ACHILLE SPINELLI (assessore  Sviluppo economico, ricerca e lavoro)
FRANCESCO PROFUMO (presidente Fbk)
ANDREA SEGRÉ (presidente Fem)

Per gli esponenti 5Stelle questi sono giorni di grande confusione ed imbarazzo per la vicenda Salvini/Diciotti (hanno salvato Salvini con il loro voto sottraendolo al processo penale per il sequestro di 177 migranti imbarcati sulla nave Diciotti, impedendo loro di sbarcare) e quindi non mi stupisce che strillino contro chiunque per qualunque questione, anche a sproposito.

Come nel mio caso per la discarica di Sardagna. Personalmente, nel ruolo di consigliera prima e di Presidente del Consiglio comunale poi, mai mi sono potuta occupare della discarica di Sardagna per la semplice ragione che nessun atto è stato sottoposto al vaglio del Consiglio.

I Verdi – a Trento come altrove – per quanto riguarda la gestione dei rifiuti si sono sempre espressi contro gli inceneritori, per la raccolta differenziata e per una attenta gestione del residuo (discariche). E se oggi il problema rifiuti non è più una emergenza come lo era alla fine degli anni ’90 lo si deve proprio al lavoro degli amministratori Verdi, in Provincia come in molti comuni trentini.

Per quanto riguarda Sardagna è evidente che i cittadini hanno ragione a rivendicare che la discarica vada chiusa rapidamente e l’area sistemata visto che, praticamente, i rifiuti da collocarvi sono pochi e quindi dovrebbe rimanere aperta ancora per troppi anni. Come non condividere questa posizione, del tutto ragionevole che, se capisco bene, i consiglieri comunali dei 5Stelle non condividono per supposte difficoltà burocratiche.

Del resto mi pare assai difficile immaginare un rilancio del Monte Bondone senza chiudere prima la discarica e sistemare l’area su cui passerebbe l’ipotizzata funivia ed a monte della quale si vorrebbe addirittura costruire la stazione.

 

*

Lucia Coppola
consigliera provinciale di Futura 2018