CONZATTI (FI * : emendamenti fiscali: « A ROMA C’È L’APPOGGIO POLITICO PER LA TUTELA DELL’AUTONOMIA »

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Leggiamo con interesse l’intervento delle sigle sindacali in merito al welfare, con l’invito da parte dei sindacati di non rinunciare alle prerogative della nostra provincia per uniformarci al disegno nazionale.

Preme sottolineare come alcuni temi citati, importanti per il futuro della nostra Autonomia, siano stati ampiamente discussi a Roma e trovano appoggio politico da parte della delegazione Trentina.

Primo fra tutti il ripristino dell’aliquota agevolata Ires per il Terzo Settore. Ma non meno importante l’introduzione di una clausola di salvaguardia finanziaria per sterilizzare eventuali effetti negativi sulla finanza della Regione e delle Provincie, dipendenti da modifiche della disciplina statale in merito ai tributi erariali.

È questo il caso dell’ampliamento della platea di contribuenti Partita Iva ammessi al regime forfetario. Ampliamento di platea significa che già con il precedente Governo il Bilancio della Provincia aveva subito una contrazione.

Condividiamo anche che tale regime forfetario penalizza i contribuenti con reddito di lavoro dipendente nel confronto con i contribuenti a partita Iva. Lo abbiamo fatto presente così come abbiamo evidenziato che tale disparità di trattamento non vi sarebbe se fosse stata introdotta la vera flat tax.

Un’imposta piatta che mantiene la progressività grazie alla no tax area e che si applica a tutti i contribuenti non creando ingiusti e dispari livelli di tassazione.

In merito al Decreto Dignità che ha già comportato un decremento di rinnovi dei contratti a termine e una perdita netta di oltre 50mila posti di lavoro, abbiamo insistito perché l’applicazione delle “pericolose” causali sia demandata alla contrattazione collettiva e aziendale.

I nostri emendamenti sono pronti a sostenere idee e visione politica diversa da quella dell’attuale anomala maggioranza di Governo.

Anche per migliorare il prossimo Decreto semplificazioni, che semplificherà gran poco, siamo pronti a combattere a partire dalla proroga di un anno della concessione A22 in attesa che la trattativa Regione, Province e Governo trovi una soluzione che valorizzi la nostra infrastruttura territoriale.

 

*

Donatella Conzatti
Gruppo Forza Italia Senato