CONSIGLIO PROVINCIALE TRENTO * III COMMISSIONE; « Semplificazione e potenziamento della competitività: concluse le audizioni »

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Oggi in terza Commissione. Semplificazione e potenziamento della competitività: concluse le audizioni

Proseguono in terza Commissione i lavori di esame del disegno di legge 18 in materia di di semplificazione e potenziamento della competitività, proposto dal Presidente della Giunta e che sarà esaminato con procedura d’urgenza nella tornata di Consiglio provinciale di fine maggio. Questo pomeriggio è stata completata l’operazione di ascolto dei soggetti interessati. Previste le audizioni di Cipra (Commissione internazionale protezione delle Alpi), Legambiente, Fai, WWF, Mountain Wilderness e Italia Nostra, hanno preso parte ai lavori solo queste ultime.

 

*

Le associazioni ambientaliste

Tessari Franco, in rappresentanza di Mountain Wilderness e di Italia Nostra ha espresso principalmente quello che ha definito “un giudizio politico, più che tecnico”. Un giudizio negativo, in particolare su alcuni punti assolutamente non condivisibili, ma anche nell’impianto complessivo della proposta che presenta a suo avviso criticità evidenti e che va in una direzione che porta indietro nel tempo, cancellando molti dei traguardi raggiunti a fatica negli anni. Le semplificazioni, non sempre sono positive, ha aggiunto, e servirebbe un approccio diverso da quello qui profilato. Accanto a queste considerazioni Tessaro ha rilevato in particolare due aspetti particolarmente critici: la semplificazione dell’autorizzazione paesaggistica di cui all’articolo 12 e l’articolo 14 che rivede le norme sulle seconde case (“la legge Gilmozzi seppur con i suoi limiti aveva raggiunto un obiettivo condivisibile”, ha detto “e questa modifica ripropone l’avvio di un vecchio sistema”).
Una posizione, quella di Mountain Wilderness, condivisa anche dalla consigliera di Futura che ha raccomandato alla Giunta una particolare attenzione sui due aspetti rilevati.

Conclusa l’audizione, i lavori della Commissione sono stati aggiornati a giovedì, termine ultimo per licenziare il disegno di legge in tempo utile per il Consiglio.