Consiglio provinciale Trento * bilancio PAT: « al via l’esame del Ddl 3 proposto dal presidente Fugatti sulla variazione 2019-2021 »

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

Martedì 15 gennaio in Prima Commissione, al via l’esame del Ddl 3 proposto dal presidente Fugatti sulla variazione del bilancio provinciale 2019-2021, per il quale la Giunta ha chiesto la procedura d’urgenza sulla quale dovranno decidere lunedì 14 i capigruppo, mentre l’assemblea delle minoranze si occuperà lo stesso giorno delle prime nomine e designazioni di competenza dell’opposizione.

Inizierà la settimana prossima l’attività legislativa in senso stretto del Consiglio provinciale. Martedì 15 gennaio infatti, dalle 14.30 alle 18.00, nella Sala Lenzi di palazzo Trentini è previsto l’esordio della Prima Commissione permanente (nella foto), che, elette prima di Natale le cariche interne, è convocata dal presidente Mattia Gottardi per avviare l’esame del disegno di legge numero 3, proposto dal governatore Maurizio Fugatti e riguardante la “Variazione del bilancio di previsione della Provincia autonoma di Trento per gli esercizi finanziari 2019-2021”.

Il giorno prima, lunedì 14, il presidente del Consiglio Walter Kaswalder ha convocato alle 9.30 una riunione dei capigruppo per discutere la richiesta della procedura d’urgenza da riservare a questo ddl. I capigruppo dovranno anche definire l’ordine del giorno della prima seduta del Consiglio provinciale nel 2019, in calendario martedì 22 gennaio, nonché le numerose nomine e designazioni di competenza dell’assemblea legislativa.

A proposito di nomine e designazioni, sempre lunedì 14 alle 10.30 nella Sala Quadri di palazzo Trentini è prevista anche una riunione dell’assemblea delle minoranze, convocata dalla presidente Mara Dalzocchio per esprimere “indicazioni di proposte nominative” per numerose designazioni di competenza dell’opposizione, da sottoporre successivamente alla discussione e al voto dell’aula consiliare. In particolare dall’assemblea delle minoranze sono attese proposte di nomine di un componente del Comitato provinciale per le comunicazioni, per la Fondazione Bruno Kessler, del Gect (Gruppo europeo di cooperazione territoriale Euregio Tirolo – Alto Adige – Trentino) e di due consiglieri provinciali da inserire nell’assemblea del Forum trentino per la pace e i diritti umani.

All’ordine del giorno dell’assemblea delle minoranze vi sono inoltre “eventuali proposte nominative” per nomine e designazioni di competenza dell’opposizione per la Commissione interregionale delle assemblee legislative delle Province di Trento e di Bolzano, del Tirolo, del Vorarlberg (in veste di ooservatore), della commissione paritetica per le norme di attuazione dello Statuto di autonomia (Commissione dei 12), del Difensore civico, del Garante dei diritti dei minori (che il Consiglio provinciale nominerà per la prima volta in modo distinto dal Difensore civico), del Garante dei diritti dei minori, della Commissione provinciale per le pari opportunità tra donna e uomo, delle Commissioni elettorali circondariali di Trento e Rovereto e delle sottocommissioni elettorali circondariali di Borgo Valsugana, Cavalese, Cles e Tione, e infine del Tribunale regionale di giustizia amministrativa (Tar) del Trentino – Alto Adige, sezione di Trento.