CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE *OK AI CRITERI DEL PIANO COLORE: “LE TINTEGGIATURE DEGLI INSEDIAMENTI SI RIFACCIANO AI COLORI TENUI DELLA ‘GAMMA DELLE TERRE’, EVITARE GLI ECCESSI CROMATICI”

Parere favorevole del Cal alla proposta di delibera della Giunta provinciale concernente “Approvazione dei criteri minimi per la predisposizione del piano colore ed il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche ai sensi dell’articolo 74 comma 2, lettera 0a) della legge provinciale per il governo del territorio e dell’articolo 28 del regolamento urbanistico-edilizio provinciale”.

Con l’approvazione della nuova legge provinciale per il governo del territorio è stato profondamente innovato l’ordinamento urbanistico provinciale.

La Legge prevede, tra l’altro, che anche i regolamenti edilizi comunali contengano la disciplina del piano colore, uniformandosi a quella provinciale.

In questo contesto l’Osservatorio del paesaggio trentino ha sviluppato uno studio denominato ”Uso del colore in edilizia”, documento base per la definizione del Piano provinciale del Colore.

Lo studio evidenzia come la prevalenza nelle tinteggiature degli insediamenti trentini si rifaccia ai colori tenui della “gamma delle terre”.

Da qui la proposta di una serie di colori da utilizzare evitando così eccessi cromatici.

Lo standard è quello internazionale definito Ncs con un codice che identifica un colore e le sue variazioni.

In questo senso la delibera semplifica le norme definendo i criteri minimi per la predisposizione del piano colore e il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche.