CONSIGLIO DEI MINISTRI * APPROVATI DUE DECRETI DI ATTUAZIONE PER LO STATUTO SPECIALE DEL TRENTINO ALTO ADIGE

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha approvato due decreti legislativi di attuazione dello statuto speciale della Regione Trentino Alto Adige.

Di seguito le principali previsioni dei due provvedimenti.

1. Norme di attuazione dello statuto speciale per il Trentino Alto Adige recanti modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 381, in materia di pianificazione urbanistica (decreto legislativo)

Il provvedimento attribuisce alle Province autonome di Trento e di Bolzano la disciplina relativa alla definizione degli standard urbanistici per i rispettivi territori, nell’ambito delle prerogative ad esse riconosciute dallo Statuto speciale in materia di urbanistica e nei limiti dallo stesso stabiliti.

*

2. Norme di attuazione dello statuto speciale per il Trentino Alto Adige recanti modifiche e integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 1988, n. 574, in materia di esercizio delle funzioni notarili in provincia di Bolzano (decreto legislativo)

Il decreto prevede l’obbligo di conoscenza della lingua italiana e della lingua tedesca non soltanto per l’assegnazione di una sede notarile in provincia di Bolzano, ma anche per l’esercizio delle funzioni notarili o per l’apertura di un ufficio secondario nel territorio della Provincia.

Il provvedimento è volto a coordinare la normativa di attuazione vigente in Alto Adige in materia di funzioni notarili con le nuove regole introdotte dalla “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, (legge 4 agosto 2017, n. 124).