Consiglieri riconfermati Collegio Ipasvi Trento * “Auspichiamo il rispetto dei cittadini e degli iscritti dai colleghi ‘neoeletti'”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

Nota scritta dai consiglieri riconfermati del collegio Ipasvi di Trento in merito alle recenti elezioni:

*

Preso atto che non è stato raggiunto il quorum previsto dai riferimenti normativi e di fronte a prese di posizioni pubbliche di colleghi che si dichiarano “infermieri neo eletti”, mettendo però allo stesso tempo in discussione la legittimità del Consiglio stesso, in qualità di infermieri riconfermati e assistente sanitaria neoeletta siamo pronti ad agire nel rispetto di quanto prevede la normativa, dopo esserci confrontati nel prossimo incontro tra Consiglieri.

Fatta salva la singola buonafede, i membri del neo Consiglio Direttivo e dei Revisori dei Conti che contestano la regolarità delle elezioni del 25/26/27 novembre – invocando il non formale rispetto di un regolamento superato dagli anni e dai fatti – dimostrano tuttavia una non precisa conoscenza delle stesse regole a cui si appellano nell’affermare che “l’indizione di nuove elezioni risulta in questo momento l’unico atto dovuto”.

A far bene avrebbero dovuto contestare la prima convocazione del Consiglio Direttivo non partecipandovi, oppure presenziare dichiarando da subito la non accettazione e uscendo dalla riunione, lasciando a chi decideva di restare, la responsabilità di procedere alla nomina di cariche che si ritenevano illegali, perché frutto di elezioni non valide.

Invece hanno presenziato e votato affermando implicitamente ed esplicitamente la ratifica del risultato. L’intenzione di chiedere “spiegazioni in occasione del Prossimo Consiglio” da parte di colleghi presenti alla riunione convocata il 4 dicembre, rende evidente la contraddittorietà di un atteggiamento che chiede l’annullamento di elezioni e quindi di un Consiglio legittimato anche dal loro comportamento e dalla loro annunciata partecipazione.

I cittadini e gli infermieri trentini hanno il diritto di avere certezze, tramite un Consiglio coeso, pur nelle diversità di opinioni, nel perseguire l’impegno preso, ed è per questo che ci attendiamo da tutti comportamenti seri e responsabili.

Noi sottoscritti intendiamo affrontare questa fase delicata e dagli esiti problematici per la vita del Collegio con responsabilità verso il Collegio stesso e nel rispetto dei cittadini tutti e degli iscritti e auspichiamo che allo stesso modo intendano operare i colleghi ”neoeletti”.

 

*

Federica Bresciani

Lorenzo Denart

Valeria Gorga

Marco Maines

Elisa Manfrini

Katia Polloni

Mirko Prada

Edda Valduga