CONFINDUSTRIA TRENTO * PMI DAY: OGGI INCONTRO CON GLI STUDENTI UNIVERSITARI PER PROMUOVERE LA CULTURA DEL LAVORO

Per la prima volta in Trentino il Pmi Day di Confindustria. La Piccola Industria di Confindustria Trento apre le porte agli studenti universitari. Si è tenuta oggi l’edizione trentina del Pmi Day di Confindustria, un progetto nazionale che coinvolge ogni anno migliaia di studenti in tutta Italia per promuovere la cultura del lavoro e i valori del “fare impresa”.

È la prima volta che il Pmi Day viene realizzato anche in Trentino. Quattro le aziende impegnate: Gruppo Sovecar (Marco Giglioli – Presidente Piccola Industria), Decos Srl (Antonio Zanotti), Bertolin Imballaggi Srl (Dino Bertolin) e Laboratorio Trentino Srl (Sergio Sighel), che hanno accolto studenti universitari di tutte le facoltà per veri e propri confronti con gli Imprenditori.

Non semplici visite quindi, ma dialoghi strutturati su temi inerenti le filosofie gestionali, i modelli organizzativi, le innovazioni nei processi produttivi, le problematiche giuridico-burocratiche e la pianificazione marketing. Un’occasione per gli studenti per declinare le nozioni apprese in aula in un contesto pratico e per iniziare a comprendere le complessità del mondo del lavoro.

“Questi giovani mostrano una grande fame di esperienza pratica – spiega Marco Giglioli, presidente della Piccola Industria di Confindustria Trento -. L’Università fornisce una straordinaria preparazione teorica e molti strumenti tecnici, ma serve poi calare queste competenze nella concretezza dell’ambiente aziendale. Molti di loro hanno grande entusiasmo e anche la voglia di mettersi in gioco in prima persona realizzando dei progetti d’impresa.

Per questo ho fortemente voluto portare anche in Trentino il Pmi Day e per questo ci siamo attivati per coinvolgere studenti ormai prossimi alla laurea. Io e i miei colleghi siamo convinti che sia nostro dovere, come imprenditori, andare oltre allo specifico interesse aziendale e contribuire alla crescita dei ragazzi, fornendo loro nuove opportunità per esprimere il loro potenziale e per realizzare i loro progetti. Questo vuole essere il primo passo di un percorso più ampio di collaborazione, che ci porterà a supportare in modo concreto le idee e le aspirazioni dei giovani che avranno il coraggio di mettersi alla prova”.