CONFESERCENTI TRENTINO * L’EUROPA FA FESTA A TRENTO, TORNA EUROPA MARKET L’APPUNTAMENTO CON LA BUONA CUCINA INTERNAZIONALE

Torna a Trento, in piazza Fiera fino a domenica 25 marzo, Europa Market, l’appuntamento con produttori e commercianti provenienti da ben 16 paesi europei e Sud America con oltre 40 banchi in esposizione. Gli stand saranno un mix di buona cucina internazionale e shopping europeo.

Un’occasione da non perdere anche perché gli stand saranno aperti oggi e domani dalle 12 alle 24 e sabato e domenica dalle 9 fino alle 24.

L’iniziativa, organizzata da Anva nazionale con la collaborazione di Confesercenti del Trentino, è l’occasione per degustare sapori e profumi internazionali e fare acquisti particolari, insoliti, tipici dei Paesi di provenienza dei commercianti che arrivano a Trento da tutta Europa e non solo.

“Europa Market” rappresenta un appuntamento imperdibile non solo per i partecipanti che sempre volentieri ritornano a Trento, ma anche per i trentini che possono mangiare e comprare prodotti di ottima qualità, competitivi nei prezzi e provenienti da diverse parti del mondo.

Ancora una volta l’importanza dei mercati su area pubblica per la città è confermata dalla presenza di operatori commerciali e artigianali provenienti da molti paesi. “Europa Market” esalta la capacità del mercato di portare le persone a vivere piazze e vie della città con prodotti sempre diversi, commercializzati in altri paesi e proposti con le strutture e il personale che lavorano lì.

Allora lasciatevi conquistare dai profumi e dai sapori di: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Rep. Ceca, Slovenia, Spagna, Ungheria, Olanda, Polonia, Gran Bretagna, Argentina, India, Brasile, Messico, Guatemala e naturalmente l’Italia.

A “Europa Market” oltre a degustare i piatti tipici si potrà anche fare shopping e portare a casa leccornie e artigianato tradizionale. Tra i tanti prodotti esposti: le mozartkugeln, lo speck, il formaggio tipico e il pane dell’Austria, i giochi in legno, i pizzi e le tovaglie tradizionali, i wurstel e la birra, i biscotti della Bretagna, spezie e saponi.

E ancora: i fiori e i giocattoli in legno dall’Olanda, le specialità polacche, l’artigianato e le pelli di renna della Finlandia, i cibi speziati di Argentina e Messico, i tessuti francesi, le sete indiane, le ceramiche di Bassano, il cachemire made in Italy.