COMUNE DI TRENTO * RAPPRESENTAZIONE TEATRALE NELLO SPAZIO ARCHEOLOGICO SOTTERRANEO DEL SAS, IL 24 E 25 FEBBRAIO

Sulla strada di Trento. Un inedito spettacolo teatrale al Sass. Sabato 24 febbraio sera e domenica 25 mattina una rappresentazione teatrale ad ingresso libero nello Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas. Una piéce di teatro civile che racconterà le stagioni di pace e di conflitto che Trento ha attraversato nella sua storia.

Recitano gli studenti del Liceo linguistico Scholl e del Liceo classico Prati di Trento nell’ambito di un progetto di alternanza scuola lavoro.

Nell’anno che celebra il centenario della fine della Grande guerra La Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, in collaborazione con le politiche giovanili del Comune di Trento, con il Liceo classico G. Prati e con il Liceo linguistico S. Scholl di Trento, ha promosso la produzione e realizzazione dello spettacolo “Sulla strada di Trento”, un progetto culturale che vede protagonisti gli studenti del Liceo linguistico Scholl e del Liceo classico Prati di Trento.

Sabato 24 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 10.00 nello Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas in Piazza Battisti a Trento, i ragazzi metteranno in scena una piéce di teatro civile dedicata all’approfondimento, sotto molteplici prospettive, di alcune stagioni di pace e di conflitto che Trento ha attraversato nella sua storia. Obiettivo principale dell’iniziativa è evidenziare la complessità e la delicatezza dell’equilibrio e del confronto tra identità collettive, guardando alla storia per trarre elementi utili ad interpretare la contemporaneità.

Il testo è di Riccardo Ricciardi, la regia di Federica Chiusole e Alessandra Evangelisti (Associazione Culturale “Il Giardino delle Parole”).

La location che ospiterà l’evento, lo Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, non è casuale: scrigno delle tracce più remote della storia della città, il Sass riporta alla luce, in particolare, un tratto di antica strada romana. La piéce prende spunto proprio dal valore simbolico di questa strada che rievoca tutte le principali vie costruite dai Romani in tutta Europa. Essa richiama il valore dell’apertura, del collegamento e del confronto – sempre fecondo ma non sempre facile – con territori e popoli diversi, che hanno segnato la storia di questa città.

Rimasto sepolto nel sottosuolo di Trento per duemila anni, quel tratto di antica strada è anche testimone dell’alternarsi delle stagioni della storia: ha assistito a momenti di pace e guerra, al tentativo dei popoli di prevalere gli uni sugli altri, e alla erezione di mura che potessero dividere gli uguali dagli stranieri. Ma se le pietre di quella strada potessero parlare, cosa direbbero?

Sarebbe certo una narrazione sospesa tra il vecchio mondo e l’avvenire, in un continuo mutare di epoche che hanno segnato la storia del Trentino, dell’Italia e talvolta dell’intero continente europeo.

Dalla conquista romana fino al secondo dopoguerra, dal Concilio al periodo di Francesco Giuseppe, passando per la resistenza hoferiana per arrivare al dramma della Grande Guerra…

Lo spettacolo teatrale, alternando registro comico e intensità drammatica, metterà in scena l’epopea di una strada attraversata dalla Storia.

Ingresso libero, prenotazione consigliata ma non obbligatoria alla mail didattica.fdg@degasperitn.it o al tel 3480123508.

Il progetto è realizzato con il contributo del Servizio Cultura, Turismo e politiche Giovanili del Comune di Trento nell’ambito del Bando per progetti di rete delle scuole 2017/2018.