COMUN GENERAL DE FASCIA: AL VIA DUE IMPORTANTI PROGETTI PER IL SOCIALE (TESTO ITALIANO E LADINO)

Comun general: al via due importanti progetti per il sociale. Il conseier de procura Gianluigi De Sirena annuncia l’avvio, a fine marzo, dello “Sportello d’ascolto dipendenze” e in estate dei soggiorni, gestiti dall’Anffas, nella struttura “Il Sollievo”.

Parte a fine marzo lo “Sportello d’ascolto dipendenze”, organizzato e finanziato, per 7.150 euro, dal Comun general de Fascia. Il servizio è rivolto alle persone che manifestano comportamenti legati all’uso di sostanze stupefacenti, abuso di alcol, gioco d’azzardo patologico, nuove tecnologie e disturbi dell’alimentazione.

«Rispetto a quanto messo in campo in passato – spiega Gianluigi De Sirena, conseier de procura alle attività socio-assistenziali del Comun General – lo sportello, affidato agli psicologi Federico Cemin e Martina Volcan della cooperativa sociale “Le Rais”, presenta due novità interessanti: la durata che si amplia a otto ore mensili, ovvero due a settimana per dare continuità a chi richiede questo tipo di assistenza, e l’apertura anche a coloro che attraversano un momento difficile, da un lutto improvviso a una depressione, e hanno bisogno di supporto psicologico. L’intento è quello di fornire accoglienza, indirizzo attraverso la relazione e sostegno adeguati».

L’attività dello sportello (a cui si accede scrivendo una mail a coopsociale.lereis@gmail.com e telefonando al numero 3920668054) è anche occasione per mettere in rete Cef (Centro ecologico familiare) presto attivo a Pozza, Cat (Club alcologici territoriali), distretto sanitario e servizi sociali territoriali. «Attraverso incontri periodici – dice De Sirena – i referenti di queste realtà avranno modo, confrontandosi anche con gli psicologi, di fare il punto sulla situazioni e sulle necessità valligiane che riguardino dipendenze, problematiche e disagio sociale».

Sempre sul fronte delle iniziative socio-assistenziali, tra luglio e agosto (previo l’imminente ottenimento delle licenze sanitarie provinciali), sarà avviata, in via sperimentale, la gestione de “Il Sollievo”. Si tratta di un’ampia e accogliente mansarda, all’interno sede fassana dell’Anffas e dei laboratori sociali, che conta soggiorno, cucina e otto camere da letto, per ospitare anche di notte persone non autosufficienti, quando le loro famiglie, su segnalazione dell’Anffas, necessitano di aiuto (in brevi periodi) per l’assistenza.

«Per comprendere il miglior utilizzo della struttura, evitando sprechi e fornendo un servizio veramente utile, l’Anffas locale ha compiuto un sondaggio tra le famiglie interessate al “Sollievo”: quasi l’80% ne richiede l’uso nei week end, il resto durante la settimana. Sulla base di queste informazioni, nel corso dell’estate, il Comun general finanzierà l’accoglienza, alla presenza costante di un infermiere e di un operatore sanitario, di cinque persone per dieci fine settimana e di una persona per sette settimane».

La spesa a carico dell’ente fassano è di circa 14 mila euro. «Questo progetto sperimentale – conclude De Sirena – si rivela utile sia al fine di una richiesta congrua di finanziamento provinciale, sia della gestione della struttura creata per supportare concretamente le famiglie di persone non autosufficienti che si rivolgono all’Anffas».

 

 

*

Comunicat stampa

Comun general: ponta demez doi projec sozièi
de gran emportanza

L conseier de procura Gianluigi De Sirena met en consaputa che a la fin de mèrz vegn envià via l “Portel per la dependenzes” e via per l’istà la sojornanzes, metudes a jir da l’Anffas, te la strutura “Il Sollievo”

Ponta via a la fin de mèrz l “Portel per la dependenzes”, endrezà via e finanzià, per 7.150 euro, dal Comun general de Fascia. I servije l’é out a la jent che palesea comportamenc leé a la doura de droghes, a la maldoranza de alcol, al viz del jech patologich, a la neva tecnologìes e ai dejèjes per chel che vèrda l’alimentazion. «Respet a chel che l’é stat fat tel passà – despiega Gianluigi De Sirena, conseier de procura per la ativitèdes sozio-assistenzièles del Comun General – l portel, de chel che se cruzia i psicologhes Federico Cemin e Martina Volcan de la coprativa sozièla “Le Rais”, porta dant doi neves enteressantes: la regnèda, che la deventa de ot ores al meis (donca doi ores en setemèna) per poder ge stèr dò en séghit a chi che domana chesta assistenza, e l met de aer n sostegn psicologich ence per chi che vif n moment senester, desche na manconia sobitousa o na deprescion. La volontà l’é chela de sporjer azet, orientament tras la relazion e sostegn aldò di besegnes».

L’atività del portel (che se pel domanèr col ge scriver na mail a coopsociale.lereis@gmail.com o ge telefonèr al numer 3920668054) l’é ence na ocajion per binèr adum l Cef (Zenter ecologich de la familia) che vegnarà metù a jir te mìngol a Poza, l Cat (Club alcologich teritorièl), l distret sanitèr e i servijes sozièi teritorièi. «Con chesta scontrèdes periodiches – disc De Sirena – i referenc di desvalives gropes i podarà, ence col didament di psicologhes, se confrontèr dintornvìa la situazions e i besegnes de val en cont de dependenzes, problematiches e dejeje sozièl».

Semper en cont de la scomenzadives sozio-assistenzièles, anter messèl e aost (dò aer ciapà la lizenzes saniterès privinzièles che dovessa ruèr te mìngol), vegnarà endrezà via, a na vida sperimentèla, la gestion de la scomenzadiva “Il Sollievo”. Se trata de n gran sotcuert, te senta fascèna de l’Anffas e di laboratories sozièi, con na gran sala, na cèsa de fech e ot cambres per ge dèr alberch, ence sora net, a persones che no pel per sé, canche sia families (aldò de na segnalazion de l’Anffas) les à de besegn de n didament (per curc trac de temp) per l’assistenza.

«Per valutèr la doura miora de la strutura, zenza trèr demez scioldi ma con chela de sporjer n servije delbon de ùtol, l’Anffas l’à domanà fora la families enteressedès a la scomenzadiva “Il Sollievo”: béleche l’80% domana de poder se emprevaler del servije tel fin de setemèna, l rest fora per la setemèna. Aldò de chest via per l’istà l Comun general l metarà a la leta la somes per tor ite tel servije, co la prejenza de n infermier e de n operador sanitèr, cinch persones per diesc fin de setemèna e una persona per set setemenès».

La speisa a cèria de l’ent fascian la é de presciapech 14 mile euro. «Chest projet sperimentèl – disc tinùltima De Sirena – l’é de utol tant per poder domanèr n finanziament provinzièl adatà, tant per la gestion de la strutura che la é stata metuda a jir per ge sporjer n didament concret a la families de persones che no pel per sé e che se ouc a l’Anffas”.