CNA TRENTINO ALTO ADIGE * PRIVACY: ” DICIAMO NO ALLE SANZIONI PREVISTE DAL 25 MAGGIO “

“Artigiani e piccole imprese ancora una volta sotto il tallone della burocrazia. Se non saranno attuate adeguate contromisure, l’impatto delle norme sarà estremamente complicato da gestire.

Parliamo di tutela della riservatezza e delle pesantissime sanzioni che tra poco più di un mese, il 25 maggio, colpiranno tutte le imprese che non si saranno adeguate al complesso, e per molti aspetti cervellotico, Regolamento europeo sulla privacy, detto Gdpr”.

Lo afferma Claudio Corrarati, presidente della Cna del Trentino Alto Adige, che aggiunge: “Non è possibile che ogni nuova norma metta in difficoltà le aziende su mancanze a volte di puro aspetto burocratico. Per le imprese parliamo di sanzioni che vanno dal 2 al 4% del fatturato dell’anno precedente”.

“Le imprese si stanno preparando a tappe forzate a questi nuovi obblighi – prosegue Corrarati – avendo sul collo la scadenza del 25 maggio, una scadenza blindata con la minaccia di pesantissime sanzioni per gli inadempienti.

Purtroppo a nessuno, fra i nostri burocrati, è venuto in mente che il sistema Paese, se c’è una cosa di cui non ha bisogno, sono nuovi lacci, lacciuoli, scartoffie e quindi ulteriori costi, non produttivi, che colpiscono artigiani e piccole imprese, cioè quanti ogni giorno si dedicano alla creazione di lavoro e ricchezza diffusa. Ancora una volta la macchina burocratica rema contro”.

“L’Italia deve assolutamente seguire l’esempio di altri paesi – conclude Vaccarino – che hanno deciso di concedere alle imprese un congruo periodo transitorio prima di applicare le sanzioni. La riservatezza è un diritto fondamentale dell’uomo ma non si può certo accusare gli artigiani, le micro e le piccole imprese di lederlo.

Il caso Facebook insegna alla politica e alla burocrazia italiane, colpevolmente silenti mentre si avvicina la fatidica data del 25 maggio, che vanno cercati altrove i nemici della privacy. Occorre fermare a tutti i costi questa nuova tempesta in arrivo. E’ necessario un no forte e chiaro alle sanzioni previste dal 25 maggio”.