CNA TRENTINO ALTO ADIGE * ECOBONUS PER IL RISPARMIO ENERGETICO DEGLI EDIFICI: LA BOZZA DEL DECRETO PENALIZZA LE PMI DEI SERRAMENTI, REQUISITI E MASSIMALI PREMIANO LE AZIENDE STRANIERE

Le associazioni rappresentative della filiera del serramento, compresa Cna, hanno sollevato ai Ministeri competenti la questione relativa all’emanazione dei decreti applicativi che dovrebbero disciplinare le detrazioni fiscali per il risparmio energetico degli edifici.

“L’ipotesi sul tavolo del governo – spiega Gianni Sarti, responsabile Risanamenti energetici di Cna Trentino Alto Adige – sarebbe quella di introdurre dei limiti di spesa parcellizzati per la sostituzione degli infissi, impostazione, questa, che rischierebbe di penalizzare le Pmi italiane.

Il testo del decreto introdurrebbe requisiti tecnici che sarebbero penalizzanti per il settore in quanto volti a premiare esclusivamente serramenti perlopiù importati dall’estero, con un’evidente distorsione del mercato a scapito di tutta la filiera di qualità delle nostre imprese fino al consumatore finale”.

Allo studio, infatti, ci sarebbe l’introduzione di una nuova famiglia di massimali al metro quadrato. Quindi, a guidare le scelte di investimento dei privati non sarebbe più soltanto il tetto di detrazione complessivo (oggi fissato a 60mila euro), ma un tetto «parcellizzato» che fissa un limite massimo oltre il quale non è possibile recuperare quanto speso.

“Oltre, dunque, alla riduzione dell’aliquota di detrazione, che per la sostituzione delle finestre è passata dal 65% al 50% – rileva Cna Produzione Trentino Alto Adige – i prodotti di qualità tipicamente offerte dalle nostre Pmi sarebbe ulteriormente penalizzati”.