CISL TRENTINO – POMINI: LOTTA ALL’EVASIONE: ” IL PLAUSO PER I RISULTATI DELLA GUARDIA DI FINANZA NELLO SCOPRIRE EVASORI FISCALI, AFFITTI IN NERO, LAVORATORI NON REGOLARI E FURBETTI VARI “

Plaude il sindacato ai risultati ottenuti dalla Guardia di Finanza nello scoprire evasori fiscali, affitti in nero, lavoratori non regolari, e furbetti vari di fronte alle provvidenze pubbliche.
Questa azione di controllo e prevenzione dimostra come anche nella nostra regione, troppi pensano di aggirare regole fiscali e contributive a danno della intera comunità.

Non solo si danneggiano direttamente le singole persone come nel caso del lavoro nero, ma viene colpita direttamente la nostra autonomia impositiva privandola dei ritorni legati ai nove decimi fiscali e all’Iva che restando sul territorio alimenta direttamente le casse delle due province autonome.

Chi non è in regola col fisco, e clamorosi sono i casi degli “sconosciuti” all’erario, toglie risorse per ospedali, welfare, infrastrutture, aiuti alle imprese e alle persone, rubando quindi un pezzo importante della propria contribuzione alla comunità, costretta purtroppo a farsi carico anche di questi furbi e disonesti.

Il lavoro nero e l’evasione fiscale, danneggiano l’economia e le imprese oneste, creando un dumping sui costi e una falsa competitività che alla fine è posta sulle spalle della comunità soprattutto nel caso di appalti pubblici.

Va proseguita con efficacia e vigore l’azione di verifica e controllo da parte degli organi preposti, perché sicuramente risulta forte deterrente a simili azioni e a chi è intenzionato a compierle, e questa forte opera di prevenzione restituisce giustizia sociale e piena cittadinanza a tutte quelle persone che invece compiono il loro dovere fiscale fino in fondo.

 

*
Lorenzo Pomini
Segretario Generale Cisl Usr del Trentino