CIA * ARRESTO QUARTO NIGERIANO PER VIOLENZA SESSUALE: “UN GRANDE GRAZIE ALLA SQUADRA MOBILE DI TRENTO”

Apprendiamo con comunicato ufficiale che nella giornata di martedì 9 gennaio la Squadra Mobile di Trento ha arrestato il quarto nigeriano, coinvolto nella violenza sessuale di gruppo e rapina avvenuta il 25 novembre a Trento, per la quale erano già stati arrestati altri tre connazionali.

Anche l’ultimo arrestato è risultato essere richiedente asilo, e domiciliato presso la struttura di accoglienza “Fersina”: particolare non marginale e che rende ancora più indigesti questi gravi episodi, perché delude quanti credono nella riconoscenza per l’ospitalità che viene garantita sul nostro territorio a quanti si presentano come richiedenti asilo.

In questi casi c’è solo da dire un grande grazie alla Squadra Mobile di Trento per la puntuale risposta di fronte ad un reato tanto grave, azione che va nella giusta direzione di dimostrare che sul nostro territorio la criminalità non è tollerata.

I complimenti vanno naturalmente anche alla giovane donna che ha avuto il coraggio di denunciare i propri aggressori.

Con l’occasione si vuole mettere in evidenza il fenomeno sempre più frequente delle aggressioni nella nostra città ai danni della Polizia locale e Forze dell’Ordine in generale.

Nelle ultime settimane si sono susseguiti diversi episodi, dal fallito attentato incendiario e vandalismi vari, alle aggressioni fisiche degli agenti, sputi, insulti, dileggiamenti. Sembra che ormai a Trento cercare di garantire la sicurezza, sia diventata la cosa più pericolosa.

Una situazione grave per la quale la politica deve assumersi le proprie responsabilità.

Ci vuole più determinazione per assicurare ai nostri agenti la serenità necessaria per poter lavorare con efficacia, perché è su di essi che ricadono le scelte di una politica che più che lavorare per garantire la sicurezza, sembra orientata ad abituare il cittadino a tollerare l’insicurezza.

 

*

Cons. Claudio Cia