CIA (AGIRE) * II COMMISSIONE REGIONALE: « VIA LIBERA AGLI STUDI IN MATERIA DI WELFARE COMPLEMENTARE »

Seconda Commissione regionale: via libera agli studi in materia di welfare complementare regionale.

Si è tenuta questa mattina a Trento la II Commissione legislativa del Consiglio regionale, con Presidente Helmuth Renzler (SVP). All’incontro ha partecipato anche l’Assessore regionale agli Enti Locali, Claudio Cia, in rappresentanza della Giunta regionale e del Presidente della Regione Arno Kompatscher.

Cia ha esposto alla Commissione il disegno di legge n.6, presentato dalla Giunta regionale, e che prevede il finanziamento a favore di Pensplan di due studi di fattibilità finalizzati alla realizzazione di progetti in materia di welfare complementare regionale.

Con il disegno di legge, composto da un unico articolo, si mettono a disposizione di Pensplan le risorse necessarie per la realizzazione degli obiettivi previsti dalla legge regionale 27 febbraio 1997, n. 3. In particolare tali disposizioni prevedono rispettivamente che Pensplan, sulla base degli indirizzi della Regione o degli enti soci nell’ambito del controllo analogo, è tenuta a realizzare progetti volti al finanziamento e/o alla copertura di misure in caso di non autosufficienza e ad attuare un programma di informazione, promozione e di educazione finanziaria, al fine di incrementare al massimo le adesioni ai Fondi pensione e raggiungere il maggior grado possibile di copertura di previdenza complementare per tutta la popolazione del Trentino e dell’Alto Adige.

Poiché le risorse che la società ricava dagli investimenti del proprio patrimonio, messo a disposizione dalla Regione alla fine degli anni novanta-inizi degli anni duemila ai sensi della suddetta legge del 1997, non sono sufficienti a finanziare anche tali attività, si rende necessario provvedervi con finanziamenti regionali ad hoc: tali compiti, infatti, non erano originariamente compresi nella mission di Pensplan, ma sono stati introdotti con la legge regionale 7 agosto 2018, n. 4 per rispondere alle nuove esigenze e ai nuovi bisogni futuri derivanti dall’evoluzione sociale e demografica, che comportano un progressivo aumento dell’età media della popolazione, con conseguenti cronicità e disabilità che necessitano di risposte adeguate.

La Commissione ha votato quindi favorevolmente il disegno di legge, considerato anche che in questa fase in particolare il supporto finanziario della Regione non riguarda la realizzazione dei due progetti, ma, come detto, si limita allo studio di fattibilità degli stessi.

 

*

Assessore regionale Claudio Cia

 

disegno di legge n 6

 

convocazione II Commissione