CASSE RURALI VAL DI NON E SOLE * PROGETTO TERRITORIALE: ” FINANZIATA L’ASSOCIAZIONE ‘ ACHIPE ONLUS ‘ CON UN ASSEGNO DI 10.500 EURO “

Le tre Casse Rurali della Valle di Non e della Valle di Sole (Cassa Rurale Val di Non, Cassa Rurale Novella Alta Anaunia e Cassa Rurale Val di Sole) hanno condiviso un importante progetto territoriale, finanziando, con un assegno di 10.500 euro l’Associazione Achipe Onlus (“Amici della Chirurgia Pediatrica Trentina”).

 

Oggetto del contributo parte dell’arredamento e del materiale ludico educativo da collocare presso il nuovo ambulatorio periferico aperto recentemente presso l’Ospedale di Cles, un punto operativo e informativo per le famiglie delle due Valli, aperto ogni terzo giovedì del mese e collocato presso il reparto di Pediatria al quarto piano.

L’Associazione Achipe Onlus, grazie al sostegno delle Casse Rurali e di altri donatori, ha raggiunto l’obiettivo di ricreare nell’ambulatorio territoriale di Cles un’atmosfera familiare, confortevole, colorata, per ridurre l’impatto psicologico negativo dei piccoli pazienti che devono ricevere cure. L’ambiente è reso a misura di bambino, migliorandone l’aspetto e l’atmosfera e introducendo grafica alle pareti, giochi e materiale ludico ecologico ed ecosostenibile vario adatto alla fascia di età e alla situazione.

Una collaborazione, quella tra Achipe e le Casse Rurali delle Valli di Non e di Sole che è stata formalizzata in una cerimonia dedicata, svoltasi a Cles, con la presenza dei tre Presidenti delle rispettive Casse Rurali, Silvio Mucchi per la Cr Val di Non, Fernando Miccoli per la Cr Novella Alta Anaunia e Claudio Valorz per la Cr Val di Sole, la presidente di Achipe Roberta Roman, il medico chiurgo e componente del direttivo di Achipe Michele Corroppolo, e Daniela Zanon in rappresentanza della direzione generale dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari.

 

*

CHI E’ ACHIPE
Achipe Onlus, nasce nel luglio 2016, grazie alla volontà di alcuni genitori di bambini curati presso il Reparto di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale Santa Chiara di Trento, e di alcuni chirurghi pediatrici dell’ospedale. Si prefigge esclusivamente finalità di solidarietà sociale quali: fornire aiuto, informazioni, supporto ed assistenza ai bambini affetti da patologie chirurgiche pediatriche e alle loro famiglie, dando voce alle loro necessità e bisogni.

L’Unità operativa di Chirurgia Pediatrica tratta un elevato numero di pazienti provenienti prevalentemente dal territorio della Provincia Autonoma di Trento, ma accoglie anche 250 bambini/anno provenienti da altre provincie italiane e da stati esteri. Il numero di ricoveri medio negli ultimi 3 anni è di circa 2000/anno, di questi pazienti più di 1400/anno necessitano di intervento chirurgico.

L’attività ambulatoriale presso l’ospedale di Trento (negli ultimi 4 anni svolta anche presso l’ospedale di Rovereto), è compresa tra le 6800 e le 7800 visite all’anno, che associate alle 7000-8300 prestazioni eseguite per attività di consulenza intra-aziendale (pronto soccorso o altri reparti aziendali) raggiungono di media le 15-16.000 visite all’anno.

La maggioranza dei piccoli pazienti che giungono all’attenzione della Chirurgia Pediatrica di Trento è affetta da patologie con ottima prognosi e guarigione completa dopo le cure prestate in ospedale.

La Chirurgia Pediatrica inoltre ha avviato un progetto di avvicinamento agli ospedali periferici, già da alcuni mesi, con l’apertura di ambulatori a Cles, Borgo, Tonadigo, Rovereto e prossimamente anche a Cavalese.