CARABINIERI BORGO VALSUGANA (TN) * NOVALEDO: CITTADINO ROMENO MASSACRATO DA DUE CONNAZIONALI, DENUNCIATI DALL’ARMA

La Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, impegnata in controlli straordinari del territorio, disposti dal Comando Provinciale di Trento, ha denunciato due cittadini romeni per lesioni personali aggravate.

Nella mattinata di ieri, presso l’ospedale di Borgo Valsugana, veniva accompagnato, da un familiare, un cittadino romeno in condizioni fisiche critiche. I medici riferiscono la gravità del ferito ai carabinieri che si attivano immediatamente.

Rintracciato il familiare al Pronto Soccorso, questi fornisce agli inquirenti i primi elementi utili per il proseguio delle indagini che si indirizzano a Novaledo, dove il ferito alloggia insieme ad altri connazionali. Sono tutti lavoratori stagionali, molti dei quali da anni, raggiungono la Valsugana e lavorano sempre per lo stesso datore.

Due di loro, interrogati dai carabinieri, ammettono di aver assistito alla vicenda e che cioè la vittima, dopo un’accesa discussione con altri due romeni, veniva colpito al corpo con un bastone, anche al capo. Si riusciva così a risalire agli autori dell’aggressione,

lavoratori che vivono e lavorano nelle vicinanze che, condotti in caserma, ammettevano le loro responsabilità ed alla domanda del perché di tanta violenza, rispondevano con motivazioni davvero futili. Si tratta di M.R. 35enne e D.N.C., 46 enne. Al termine degli accertamenti, veniva rilasciati.