BOTTAMEDI – PROPOSTA DI MOZIONE * ATTIVAZIONE DI NUOVE CORSE SULLA TRATTA TRENTO-VEZZANO-SARCHE-DRO-ARCO-RIVA E RITORNO

La Provincia autonoma di Trento in questi mesi ha annunciato il potenziamento del servizio di trasporto pubblico al fine di migliorare il collegamento tra i centri principali e le varie località della Provincia.

Un intervento necessario a garanzia di coloro che vivono in luoghi periferici e che senza una adeguata copertura del servizio si troverebbero in difficoltà per recarsi a scuola, a lavorare, per usufruire dei servizi presenti nei grossi centri, ecc.

Per la prossima estate è stato annunciato tra l’altro un potenziamento del collegamento tra la Vallagarina e l’Alto Garda, in relazione ai flussi, notevoli specie in estate. Si è ipotizzato un nuovo progetto orario per il cadenzamento della linea 332 Rovereto-Mori-Riva del Garda – Arco – Bolognano con una frequenza ogni ora da Rovereto a Bolognano e ogni 30 minuti da Rovereto a Riva.

Ottimo progetto, peccato però che diverse tratte principali siano ancora non adeguatamente servite.

Mi riferisco per esempio alla linea Riva-Arco-Dro Sarche-Vezzano-Trento. L’ultima corsa da Riva del Garda per Trento è alle 18.25. Lavoratori, studenti, in generale chi necessita dell’utilizzo di questa corsa dopo le 18.30 rimane appiedato e così coloro che devono tornare a Riva da Trento ed hanno l’ultima corsa alle 19.20.

Sono facilmente comprensibili le difficoltà che incontrano gli utenti di questa linea, che dovrebbero poter usufruire del mezzo pubblico anche oltre gli orari previsti dalla tabella e invece si vedono costretti in quelle ore all’utilizzo del mezzo proprio.

Tutto ciò premesso il Consiglio della provincia autonoma di Trento
impegna la Giunta provinciale a:

• prevedere il potenziamento del servizio extraurbano per la tratta Riva-Arco-Dro-Sarche-Vezzano- Trento e ritorno al fine di permettere agli utenti di usufruire del servizio anche oltre gli attuali orari previsti dalle tabelle.

 

*

Cons. Manuela Bottamedi