Blocco studentesco Trentino * Crollo istituto Pertini: “La situazione di rischio era nota, ma non è stato fatto nulla per non farla degenerare”

Dopo un improvviso crollo di una parete nel piazzale dell’istituto di formazione professionale “S.Pertini” di Trento, il Blocco Studentesco nella notte ha affisso uno striscione di protesta contro la malagestione dell’istituto da parte della provincia recante la scritta “Ifp Pertini: vietato l’ingresso agli studenti”.

Lo striscione è stato collocato proprio davanti all’entrata dell’istituto.

“Questo grave fatto – dichiara il Blocco Studentesco Trento in una nota – dimostra ancora una volta come la provincia non sia in grado di gestire le strutture scolastiche.

Il crollo arriva dopo varie proteste dei genitori nei giorni precedenti rimaste purtroppo inascoltate, come inascoltato rimane il nostro dossier sull’edilizia scolastica inviato mesi fa a Ugo Rossi ed al quale non è mai stata data risposta, dossier che conteneva i vari casi analoghi di scuole trentine a rischio”.

“Il Pertini era pericolante da ormai un anno – continua la nota – e già a Luglio c’erano stati dubbi sulla riapertura a causa del ritrovamento di numerose crepe sui muri dell’edificio. La situazione di rischio era quindi ben nota ma non è stato fatto nulla per non farla degenerare nel grave fatto di martedì”.

“Auspichiamo quindi – conclude la nota – che la provincia faccia un esame di coscienza ed inizi ad ascoltare le voci di quanti vivono gli edifici scolastici della nostra città e ne denunciano i deficit strutturali. Noi del Blocco Studentesco dal canto nostro saremo sempre in prima linea in difesa degli studenti italiani e della scuola pubblica”.