BIANCOFIORE * FONDI TERREMOTO: ” LA DECISIONE DEL COMUNE DI APPIANO È SBAGLIATA, CINICA ED INOPPORTUNA “

Biancofiore (Fi): Fondi terremoto: decisione Appiano sbagliata, cinica e inopportuna. Resto davvero basita e sconcertata dall’amministrazione comunale di Appiano la quale in un primo momento ha erogato 15 mila euro di aiuti nelle zone colpite dal terremoto per poi fare retromarcia perché “secondo loro venivano usati per restaurare una chiesa e non per provvedimenti a lei graditi.”

Questa notizia per i residenti di quelle zone è una vera pugnalata psicologica alle spalle e una forte umiliazione. Nel centro Italia il terremoto ha stravolto la loro vita distruggendo ciò che avevano costruito col frutto di anni di sacrifici.

Si vedono ancora oggi macerie ovunque, edifici fatiscenti e/o dichiarati inagibili, volti tristi e sguardi persi nel vuoto perché, oggi, sembra davvero utopico ricostruire tutto ciò che quella fortissima scossa seguita da uno sciame senza fine, in pochi secondi ha spazzato via.

E come se non bastasse Appiano prima lancia un flebile segnale di ottimismo alla popolazione e subito dopo, con una delibera votata all’unanimità, cancella anche questo barlume di speranza con una totale mancanza di sensibilità.

Soprattutto cristiana, perché una chiesa in un momento di disperazione rappresenta un rifugio per la speranza e le istituzioni dovrebbero avere l’intuizione dell’opportunità di un luogo dove promulgare i valori positivi della cristianità.

Ben vengano gli aiuti dalle altre istituzioni, specie se benestanti come le nostre, ma che queste siano dettate da uno spirito di solidarietà vero e sentito, non di facciata e senza utilizzare tragedie nazionali per un semplice opportunismo politico.

Sono certa che i fondi erogati alle amministrazioni locali colpite dal sisma saranno usati con logica e criterio visto chi meglio di loro conosce il territorio e i suoi residenti. Non occorre certo la consulenza esterna discrezionale del Comune di Appiano.

Non si può in un momento così delicato giocare a mettersi a fare i maestri su come destinare fondi già stanziati a scopo sociale.

Già nel 2009 il Presidente Berlusconi, in veste di Premier, a seguito del terremoto dell’Aquila, in tempi record fece costruire le case destinandole ai terremotati perché ieri e oggi più che mai, il paese intero è pienamente cosciente della drammatica situazione della popolazione del Centro Italia, e si batte per non lasciarla da sola.

Mi auguro che il Comune di Appiano voglia immediatamente revocare la delibera che ha ritirato i fondi per la Chiesa e che intervenga il vescovo Muser in prima persona per sanzionare quanto accaduto.

 

*

Michaela Biancofiore
Parlamentare Forza Italia
Coordinatore Regionale Trentino Alto Adige