Bezzi – interrogazione * APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA APSP VALLE DEL CHIESE: “QUALI DETTAGLI SULL’APPALTO DEL SERVIZIO”?

Il nuovo contratto stipulato alle donne delle pulizie dalla Copura di Ravenna, che è subentrata a due Cooperative giudicariesi nella gestione delle pulizie assumendo le dipendenti già in forza come da clausola contenuta nel Capitolato Speciale d’Appalto, presenterebbe delle sensibili criticità rispetto a quanto applicato in passato.

Seppur vero che la Copura ha mantenuto invariato il numero di dipendenti, sembrerebbe invece avere ridotto le ore e conseguentemente lo stipendio a tal punto, da renderlo oggettivamente esiguo ed insufficiente a garantire il minimo vitale a chi può contare solamente su questa entrata finanziaria.

La Cooperativa Copura di Ravenna, ha vinto il mega appalto indetto dalle tre case di riposo di Storo, Condino e Pieve di Bono insieme all’Apac, l’Agenzia provinciale appalti e contratti. La gara con un importo a base d’asta di oltre due milioni e mezzo iniziata più di un anno fa, ha visto la partecipazione di 12 imprese di cui solo due con sede in Trentino.

Prassi ormai che sembra consolidarsi anche nella gestione dei servizi oltre che negli appalti di opere pubbliche a scapito delle imprese e degli operatori del territorio.

 

*

Tutto ciò premesso, si interroga il Presidente della Provincia per sapere:

1. quali garanzie fossero contenute nel Capitolato Speciale d’Appalto a favore delle ex dipendenti delle cooperative che gestivano i servizi di sanificazione ordinaria e periodica e smaltimento rifiuti delle APSP delle valli del Chiese e se la Provincia abbia verificato il rispetto delle stesse da parte di Copura Ravenna;

2. a quanto ammontasse in precedenza il costo dei servizi oggetto della gara, se ed eventualmente quale sia il risparmio ottenuto dalla procedura su esposta;

3. se la Copura Ravenna abbia ad oggi subappaltato lavorazioni ad altri soggetti, se questo risultasse nell’offerta all’atto della presentazione in fase di gara ed eventualmente quali lavorazioni siano state subappaltate, l’importo e il nominativo del subappaltatore.

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

 

*

Cons. Giacomo Bezzi