BEZZI – FUGATTI * NOT: IL GOVERNO PROVINCIALE È COLPEVOLE DEI RITARDI E DEI DANNI ECONOMICI

La costruzione del nuovo ospedale di Trento, un’opera essenziale per il territorio e la sanità trentina che da anni sta cercando di vedere la luce, è nuovamente sui media locali.
Il Consiglio di Stato si è espresso sulle richieste della Provincia e chiarisce le modalità di procedura, indicando quali modifiche si potranno apportare per evitare ulteriori passi falsi.

Sulla vicenda si parla e si scrive ormai da anni, risale al 2011 l’inizio della procedura per l’affidamento dei lavori che poi è stata stoppata da impedimenti assolutamente evitabili. Tali intoppi hanno portato a perdite ingenti di denaro pubblico e allo stallo di un progetto che è prioritario per tutta la popolazione trentina.

Inoltre hanno causato un danno economico ad un settore, come quello dell’edilizia già in ginocchio a causa della congiuntura economica attuale. Il lavoro che avrebbe generato un’opera di tali dimensioni sarebbe stata una boccata di ossigeno per la nostra economia.

Inoltre i tempi potevano essere sicuramente più stretti e i costi riferiti all’iter di gara molto più contenuti, se il Governo provinciale nella scorsa legislatura, all’interno del quale l’attuale Presidente Rossi ricopriva la carica di Assessore alla Sanità, non avesse proseguito imperterrito all’aggiudicazione della gara, nonostante le diverse istanze sollevate e i vari atti istituzionali presentati in Consiglio provinciale a sostegno della tesi, che hanno poi trovato conferma nella motivazione della sentenza emessa dal Consiglio di Stato per l’annullamento della gara.

Motivo per cui, il Consigliere Bezzi, ha presentato un esposto alla Corte dei Conti, alla Procura della Repubblica e all’Autorità anticorruzione a Roma.

Preso atto di questo, la responsabilità dei ritardi e dei danni economici derivati da tali comportamenti ricade oggettivamente sul Governo provinciale.

 

*

Giacomo Bezzi

Forza Trentino

 

Maurizio Fugatti

Lega Nord Trentino