ATTOLINI * ZONA EX SLOI: ” IMPEDIRE CHE IL TERRENO CIRCOSTANTE DIVENTI UNA DISCARICA A CIELO APERTO “

Da molto tempo cerchiamo di focalizzare, senza ottenere risposte concrete l’attenzione delle amministrazioni comunale e provinciale sulla zona ex Sloi, una vera polveriera trascurata, nel centro di una città che si fregia di godere di ottime condizioni di vita e di una politica di salvaguardia del territorio.

 

 

Crediamo che tutte le ben note difficoltà, di ordine tecnico, dalla proprietà in mano a privati alle incertezze sugli interventi da adottare, dovrebbero finalmente essere affrontate con decisione e risolte per il bene non solo di chi abita in quella zona, ma di tutta la città.

Non esistono, purtroppo, studi epidemiologici, ma nelle palazzine più vicine alla zona, si conta, per confronto diretto tra cittadini, un numero di patologie oncologiche piuttosto elevato.

Nel frattempo si dovrebbe quanto meno provvedere ad impedire che il terreno circostante diventi una discarica a cielo aperto, posta all’interno della circoscrizione Centro storico – Piedicastello, quella dunque più centrale, dentro la quale, purtroppo, sembrano esistere zone cui si prestano attenzioni e cure molto diversificate.

A fronte dei macchinari più sofisticati acquistati per la pulizia delle zone centrali, si permette che il decoro della città, ma soprattutto la salute dei cittadini, vengano messi a repentaglio a pochi passi dal centro.

Qualche mese fa, l’assessore Biasioli affermava, in un’assemblea pubblica organizzata dal consiglio circoscrizionale, che “questa parte della circoscrizione non sarà dimenticata”; auspichiamo che sia davvero così.