ARCIDIOCESI DI TRENTO * PELLEGRINAGGIO DIOCESANO: UNA NOTTE IN CAMMINO DA TRENTO A MONTAGNAGA DI PINÉ TRA VENERDÌ 1 E SABATO 2 GIUGNO

Una notte in cammino, fra canti, preghiere e silenzio per 20 chilometri. Decima edizione del pellegrinaggio diocesano da Trento a Montagnaga di Piné con oltre seicento partecipanti, per lo più ragazzi e giovani, invitati a raggiungere a piedi, partendo dal capoluogo, il santuario mariano, tra venerdì 1 e sabato 2 giugno.

Quest’anno il ritrovo a Trento alle ore 19.30 avverrà in tre diversi luoghi della città, per sottolineare il convenire da tutta la diocesi: il seminario diocesano di corso 3 Novembre (zone di Rovereto, Folgaria, Villa Lagarina, Ala, Mori, Riva del Garda, Arco, Vezzano), la cappella universitaria di via Prepositura (zone di Mezzolombardo, Valli di Non e Sole, Cembra-Lavis, Lomaso, Tione, Rendena, Condino, Trento città) e la casa delle suore Canossiane di piazza Venezia (zone di Pergine, Levico, Civezzano-Pinè, Primiero, Borgo Valsugana, Fiemme e Fassa, Mattarello e Povo). Alle ore 20.30 tutti i partecipanti si ritroveranno in via Belenzani per la preghiera comune e insieme raggiungeranno la cattedrale dove alle ore 21.00 è prevista la s. Messa con il vescovo Lauro, il quale poi si unirà anche quest’anno al cammino dei giovani.

Tema del pellegrinaggio sarà quello della Giornata Mondiale della Gioventù 2018: “Non temere, perché hai trovato grazia presso Dio”, le parole dell’Annunciazione dell’angelo a Maria. I testi su cui si snoderanno le varie tappe partono dalle domande esistenziali dei giovani, accompagnate dalle riflessioni di papa Francesco e da alcune testimonianze significative, come i due atleti plurimedagliati alle recenti paralimpiadi invernali, i fiemmesi Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal, la cui videointervista sarà proposta all’arrivo alle Laste.

Nelle settimane precedenti al pellegrinaggio, i gruppi sono stati invitati ad incontrare persone (anziani, famiglie, giovani) che vivono situazioni di difficoltà, bisogno, malattia. I pellegrini porteranno quindi con sé i volti incontrati e pregheranno per loro. A chi rimane a casa è stato chiesto di accendere un lumino e pregare per chi è in cammino.

L’arrivo a Montagnaga, nella grande spianata del santuario mariano, illuminata dalle prime luci dell’alba, è previsto alle ore 6.00 di sabato 2 giugno.