ADMO TRENTINO * ASSEMBLEA DEI SOCI: « CON IL 2019 SI SUPERA LA QUOTA 9.200 SOCI E SI RINNOVA IL DIRETTIVO, TRE I NUOVI MEMBRI E QUATTRO I CONFERMATI »

Admo Trentino, tempo di bilanci. Con il 2019 si supera la quota 9.200 soci e si rinnova il direttivo, tre i nuovi membri e quattro i confermati. Termina il mandato del consiglio direttivo, confermati quattro membri per il nuovo mandato. Approvata all’unanimità la modifica dello Statuto che vede l’aumento dei membri da sette a nove. Dati in crescita nell’ultimo triennio, con 856 iscritti nel 2018. Termina il mandato del consiglio direttivo, confermati quattro membri per il nuovo mandato. Approvata all’unanimità la modifica dello Statuto che vede l’aumento dei membri da sette a nove. Dati in crescita nell’ultimo triennio, con 856 iscritti nel 2018.

malati di leucemie o altre malattie oncoematologiche in attesa di trapianto. I sette membri del consiglio direttivo eletti durante l’assemblea di sabato 13 aprile sono Ivana Lorenzini (29 voti), Davide Soini (28), Davide Ceol (27), Alessia Zadra (24), Alberto Zampiccoli (22), Giuliana Frigoli (21), Matteo Berti (20). Le cariche saranno attribuite nel corso del prossimo consiglio direttivo.

I probiviri eletti sono Stefano Grassi, Mara Bertagnolli e Paolo Fortuna, mentre i revisori sono Erica Ferretti, Daniela Patauner e Paolo Moratti.

Nel corso dell’assemblea straordinaria con la presenza del notaio dottor Paolo Piccoli, è stata approvata all’unanimità la modifica statutaria che vede l’aumento dei componenti del consiglio direttivo da sette a nove. La modifica non ha effetto immediato, diventerà efficace solo con l’approvazione della Provincia autonoma di Trento. Non appena la norma entrerà in vigore, diventeranno membri effettivi del consiglio direttivo i primi due non eletti nel corso dell’assemblea, Maria Moar e Angelo Zambotti.

Il nuovo statuto associativo, imposto dalla riforma del codice del terzo settore che entrerà in vigore salvo proroghe nell’agosto di quest’anno, è stato ugualmente approvato all’unanimità dai soci presenti.

Sono incoraggianti i dati relativi al triennio 2016-2018, in particolare quelli dello scorso anno. “ADMO Trentino è una realtà solida”, spiega la presidente Ivana Lorenzini. “Per un’associazione come la nostra, parlare di risultati e di obiettivi significa sopratutto parlare di donatori. Il 2018 è stato un anno eccezionale, che ha visto l’iscrizione di ben 856 ragazzi, un numero assai considerevole per la nostra realtà territoriale, nonché il più alto mai raggiunto. Questi potenziali donatori, speranze di vita per i malati in attesa di trapianto di midollo osseo, si aggiungono ai tanti iscritti dei due anni precedenti, per un totale di 2388 giovani. Un risultato eccezionale, reso possibile dalle persone che lavorano per ADMO, in particolare negli interventi di informazione e di sensibilizzazione al dono nelle scuole superiori e nelle serate promozionali”.

587 i tipizzati nel 2018, gli aspiranti donatori di midollo osseo che sono entrati nel registro IBMDR grazie ad un prelievo di sangue eseguito dall’Azienda sanitaria. Un trend positivo confermato anche dalle percentuali degli aspiranti donatori che si presentano all’appuntamento (oltre 93 per cento nel 2018 rispetto all’80 per cento dell’anno precedente). Grazie ad una convenzione con l’Apss siglata nel 2011, è la segreteria di ADMO a fissare l’appuntamento con gli aspiranti donatori Di questi, i potenziali donatori ritenuti idonei alla tipizzazione e all’eventuale donazione di midollo osseo sono oltre il 97 per cento nel 2018 (93,4 per cento nel 2017 e 88,9 per cento nel 2016).