MUSE: LE STRATEGIE PER IL 2020

Da circa due anni le Acli di Mezzolombardo, Mezzocorona e San Michele all’Adige hanno avviato, assieme alla Comunità di Valle della Rotaliana Königsberg una esperienza denominata Ri-Costruire Comunità. Con essa si sono coinvolti e valorizzati tutti i soggetti della comunità, costruendo così una rete aperta e collaborativa tra liberi cittadini, associazioni, enti, e istituzioni, per avviare insieme un processo di ricostruzione dei legami, delle relazioni, di comunità, come base del benessere personale, sociale, politico ed anche economico di un territorio.

L’esperienza iniziata sta già dando frutti significativi, ma ci siamo accorti, ragionando anche con rappresentanti della Cassa Rurale Rotaliana e Giovo che era ancora assente uno dei soggetti forti della comunità: il mondo delle imprese.

Da qui l’idea di avviare un coinvolgimento, dentro il nostro specifico contesto territoriale, proprio a partire dalla riflessione sul tema del rapporto tra impresa e comunità.

Non crediamo infatti che possa essere un semplice interesse filantropico o etico-personale a muovere questo coinvolgimento. La stessa etimologia del termine economia (oikos nomos, ovvero legge della casa) evidenzia un legame più profondo. Diverse esperienze anche a livello europeo ci dicono che questo legame tra impresa e comunità va molto al di là, per esempio, delle classiche sponsorizzazioni a iniziative.

Da un lato infatti il contesto di comunità attraversa fisiologicamente i contesti di lavoro (ma i legami tra impresa e territorio sono quanto mai deboli); dall’altro ogni impresa nella sua specificità è in sé anche una comunità (ma quanto conta la qualità delle relazioni all’interno delle imprese?). La crisi delle relazioni che ha caratterizzato e caratterizza tutti i contesti delle nostre società attraversa perciò profondamente anche il mondo delle imprese, costituendo anche per loro motivo di impoverimento e sofferenza. Riprendere questo tema significa perciò affrontare assieme una sfida importante: possiamo capire come ricostruire questi legami dentro e fuori l’impresa e vedere quale valore aggiunto ciò può portare in termini di sviluppo – economico e sociale?

Questo primo Forum, ristretto ad una decina di operatori economici del territorio della Rotaliana, vuole essere l’avvio di un percorso e di un lavoro che intende, nel tempo, coinvolgere sempre più soggetti economici del territorio, in sinergia con cittadini, enti e istituzioni già coinvolti nella rete di RiCostruireComunità.

La tappa successiva e di lancio di questo percorso sarà l’incontro/dialogo con il prof. Stefano Zamagni (27 maggio – seguirà specifico comunicato stampa –) uno dei padri delle riforme sul terzo settore e sull’impresa sociale, nonché fondatore della SEC (Scuola di Economia Civile).