ACLI TRENTINE * RADIO MEMORIAE: DICIANNOVE RAGAZZE E RAGAZZI RACCONTERANNO LA STORIA DI DONNE E UOMINI CHE HANNO LOTTATO PER LA PACE

Diciannove ragazze e ragazzi fra i 15 e i 20 anni, capaci di inventare una trasmissione radiofonica e manifesti di grande impatto visivo per raccontare la storia di donne e uomini che hanno lottato per la pace.

È questo Radio Memoriae – volti di pace, un progetto sviluppato da Acli Trentine, dall’Associazione 46° Parallelo, Uspid, dal Forum Trentino per la pace e i diritti umani, in collaborazione con Radio Trentino in Blu, Sanbaradio e Studio d’Arte Andromeda e finanziato dalla Csv- Non Profit Network, Fondazione Caritro e dagli Uffici Politiche Giovanili della Provincia Autonoma di Trento e del Comune di Trento.

Un lungo lavoro, pensato e voluto per dare voce a nove personaggi del passato e del presente, capaci di portare voci di impegno e nonviolenza in contesti di conflitto e guerra. Esempi di cittadinanza attiva, sacrificio e lotta contro l’ingiustizia. Non solo i grandi Gandhi e Martin Luther King, ma uomini e donne che spesso senza grandi proclami hanno fatto la differenza nella storia e nella vita di milioni di persone.

Radio Memoriae è diventato una trasmissione radiofonica – pensata e gestita dalle ragazze e dai ragazzi – creata con l’aiuto tecnico di Radio Trentino in Blu e SanbaRadio. Ma da quest’anno è anche grafica, grazie alla collaborazione di Studio d’Arte Andromeda.

Siamo infatti consapevoli dell’impatto e importanza dell’immagine nel veicolare messaggi forti e speriamo che le targhe create possano essere affisse nelle scuole della Provincia Autonoma di Trento. La prima puntata verrà invece trasmessa dalle due emittenti il prossimo 25 aprile – Giornata della liberazione e delle resistenze. Un nostro contributo per raccontare il passato e il presente.

 

*

Interverranno

Luca Oliver Presidente Acli Trentine,

Giorgio Casagrande Presidente del CSV- Non profit network,

Filippo Manfredi Direttore Generale della Fondazione Caritro,

Massimiliano Pilati Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani

Giorgia Stefani per l’Associazione 46° Parallelo.