LANCIO D’AGENZIA

Un nuovo emozionante video, in anteprima questa sera su Rai1. Un brano strumentale composto appositamente per essere la colonna sonora di 50 anni di storia, in cui la musica è sempre “al centro”. Ancora una volta, Claudio Baglioni torna a stupire e regala un’opera inedita al proprio pubblico: non un nuovo brano pop ma una vera e propria suite strumentale, che sarà in onda in anteprima assoluta su Rai1 oggi alle 20.30 e che accompagnerà il tour “Al Centro”, il super-show che celebra i 50 anni del rapporto tra il cantautore e la musica, ma anche l’inesauribile e intenso rapporto tra la musica di Baglioni e il linguaggio, il costume e la cultura del nostro Paese.

Un viaggio emozionale, tra musica e immagini, in cui la gente “comune”, diversa per età, cultura, provenienza, si unisce a uno spettacolare cast di attori italiani, che con affetto ed entusiasmo hanno deciso di partecipare alla realizzazione del video: Diego Abatantuono, Ambra Angiolini, Luca Argentero, Simona Cavallari, Pierfrancesco Favino, Isabella Ferrari, Ficarra e Picone, Claudia Gerini, Marco Giallini, Michelle Hunziker, Sabrina Impacciatore, Edoardo Leo, Milena Mancini e Vinicio Marchioni, Neri Marcorè, Giorgio Panariello, Rocco Papaleo, Alessandro Preziosi, Vittoria Puccini, Rolando Ravello, Valeria Solarino.

Attratti da un richiamo travolgente, tutti insieme si muovono verso una meta misteriosa. È l’Arena di Verona, uno degli anfiteatri romani più belli al mondo, che li sta chiamando. E proprio lì, li aspetta Claudio Baglioni, per una delle più grandi feste della musica popolare italiana, “una notte di note lunga 50 anni”: il live-show che celebra il mezzo secolo della carriera di uno degli autori/interpreti più amati, apprezzati e seguiti di sempre. Il video è ideato da Guido Tognetti, per la regia di Gaetano Morbioli per Run Multimedia (cast a cura di Giovanna Salvatori per F&P Group).

Sabato 15 settembre in diretta dall’Arena di Verona, in prima serata su Rai1, Baglioni sarà assoluto protagonista della serata-evento in cui l’anfiteatro veronese ospiterà, per la prima volta, un concerto rivoluzionario con il palco al centro. Una scena maestosa, unica nel suo genere, composta da 8 pedane nella parte centrale, che creeranno movimenti verticali di diverse misure e forme, per un palco in continua evoluzione, mai uguale a se stesso, capace di trasformarsi a seconda dei brani rappresentati. Un’occasione unica per ripercorrere 50 anni di indimenticabili successi, dagli esordi negli anni ’60 fino ai giorni d’oggi, la sua storia musicale raccontata in ordine cronologico. Tanti anche gli elementi visivi e scenografici che hanno rappresentato la storia dei live di Claudio Baglioni.

Felice anno scolastico a tutti!!! Agli studenti, agli insegnanti, ai dirigenti scolastici, al personale scolastico e ai genitori. Per la scuola ho fatto moltissimo in questi 5 anni da consigliera provinciale. Ovviamente ho anche tante idee e proposte per la prossima legislatura:

• taglio drastico della folle burocrazia scolastica

• abolizione del Clil obbligatorio (il sistema Clil ideato da Rossi è penoso e sta facendo danni enormi!!)

• alfabetizzazione emotiva come nel Nord Europa

• educazione civica

• rinnovamento della didattica

• classi con massimo 20 alunni (per poter dare massima attenzione a tutti, compresi Bes, Dsa, stranieri)

• e molto altro!! A breve uscirò con tutte le mie proposte sulla scuola!

Lo dico sempre: la scuola è troppo spesso luogo di noia, frustrazione, fallimento.
Deve invece diventare il luogo dove non si vede l’ora di entrare.
Il luogo dove tutti stanno bene, si sentono accolti, possono coltivare il proprio talento e sperimentare il successo.
Il luogo dell’educazione, della crescita, del benessere.
Chimera? Nient’affatto!! Ci sono già realtà di questo tipo, vanno solo diffuse e messe a sistema.

*

Cons. Manuela Bottamedi

In allegato gli orari dei treni Trento-Malè-Mezzana dal 12 settembre al 21 giugno 2019.

 

 

Link

http://www.ttesercizio.it/

In merito alla vicenda che ha coinvolto nel pomeriggio odierno la sig.ra Ottavia Piccolo, la Questura di Venezia precisa che quest’ultima è stata controllata, presso un varco di accesso all’area riservata del Festival del Cinema, dove poco prima un gruppo di manifestanti aveva tentato di superare illecitamente lo sbarramento delle Forze dell’ordine.

In particolare i citati manifestanti, non rispettando il luogo indicato nel preavviso presentato alla Questura per lo svolgimento del presidio, avevano tentato di raggiungere, con bandiere e vessilli, il Palazzo del Cinema, venendo, pertanto, bloccati dal servizio di sicurezza delle Forze di polizia.

Il foulard indossato dalla Sig.ra Piccolo, a prima vista associato ai simboli esibiti dai predetti manifestanti, è stato poi, ad un più approfondito controllo, riconosciuto in quanto recante i simboli dell’Anpi. Alla signora Piccolo è stato dunque consentito il transito senza alcuna ulteriore limitazione.

È nata in questi giorni una nuova coalizione che si presenterà alla prossime elezioni provinciali con una candidata presidente, Antonella Valer, da tempo impegnata nel sociale e candidata alle recenti elezioni politiche per Liberi e Uguali del Trentino, nel collegio Valsugana.

La coalizione, “Sinistra per il Trentino”, vede al suo interno Liberi e Uguali del Trentino e L’altro Trentino a sinistra che riunisce persone provenienti da Rifondazione comunista, Potere al Popolo, società civile.

Convinti che fosse necessario un ampio spazio a sinistra, in grado di contrastare le destre, abbiamo cercato di costruire un ponte con il centro sinistra, sostenendo fino all’ultimo la candidatura di Ghezzi. Davanti all’ineluttabilità di scelte che allontanano la possibilità di una discontinuità programmatica rispetto alle passate legislature, abbiamo deciso di organizzarci per un’alternativa che si rivolga a quelli che non condividono le scelte delle principali coalizioni e che per questo non andrebbero a votare.

Nel campo dei programmi intendiamo affrontare l’urgenza della crisi sociale ed ambientale, proponendo un modello di sviluppo della nostra provincia che sia rispettoso del territorio e crei nuove occasioni di lavoro stabile. Il Trentino che vogliamo si incardina su sette punti fondamentali:
la riconversione ecologica dell’economia, la piena e buona occupazione, il lavoro di cittadinanza
la tutela dei beni comuni, scuola e sanità gratuite e di qualità, lo stato sociale diffuso, la ricerca libera per uno sviluppo sostenibile
politiche che favoriscano la permanenza delle persone nelle valli e nei paesi
la riforma degli strumenti di partecipazione dell’autonomia provinciale e regionale
l’uno per cento del PIL per politiche di pace, cooperazione, sviluppo, integrazione
no alla mobilità senza sostenibilità ambientale e no alle grandi opere, no al consumo di suolo per l’edilizia, no all’uso indiscriminato del territorio montano
una nuova legge elettorale rispettosa dello statuo di Autonomia, come in provincia di Bolzano.

 

*

Renata Attolini
Sinistra per il Trentino

 

Agire per il Trentino presenta i candidati per la città di Trento.

Domani 13 settembre 2018 alle ore 11,30 presso la Sala Hipster dell’Impact Hub di Trento, in via Sanseverino 95, il Consigliere Provinciale Claudio Cia, presenterà i candidati di Agire per il Trentino alle prossime elezione del 21 ottobre per la città di Trento.

 

*

Presentazione Candidati del coordinamento di Trento:

Bordignon Sandro:
Fondatore di Agire, Responsabile del coordinamento di Trento.
Ho svolto volontariato presso il Movimento per la Vita di Trento come figura di Presidente per due mandati, attualmente sono all’interno dello stesso Direttivo. Svolgo attività sindacale sia come delegato sul luogo di lavoro, sia all’interno del Consiglio Generale Fisascat Cisl del Trentino. Ho avuto una breve ma intensa esperienza (dal 2014 al 2015) come Consigliere Comunale di Trento nella precedente legislatura.
TEMI: Sociale, commercio, commercio per la città di Trento, famiglia.

 

*

Corazza Mauro:
Attivista di Agire per il Trentino dall’estate del 2016 e fondatore del Coordinamento territoriale della città di Trento, e nell’estate 2017 sono stato nominato Vice coordinatore.
TEMI: Turismo, problemi dell’urbanistica e mobilità.

Robbi Gian Piero:
Attivista di Agire dal 2016, attivo sulle questioni che riguardano principalmente la Disabilità.
TEMI: Welfare, Disabilità

 

*

Sester Elena:
Dal 2016 Vice Coordinatrice politica del movimento Agire per il Trentino e responsabile del Coordinamento donne. Mamma di tre figli con la passione delle moto e del camper. Ha lavorato come commessa e successivamente come sindacalista nei settori cooperazione sociale, commercio e multiservizi e ad oggi è consulente ed intermediaria assicurativa.
TEMI: Sociale, Giovani

 

*

Alessandro Boller:
FONDATORE DI AGIRE professione svolgo quella di commerciante, Ho scritto quattro romanzi di avventura/indagine: “L’ombra del Cigno”, “The beginnings”, “Polar Hotel”, “L’ombra del Cigno – La Setta”; inoltre faccio parte, come voce e chitarra, della band country/rock The blurred shadows, gruppo nato nel 2012, con all’attivo più di cento concerti.
TEMI: Commercio, Spettacolo

 

*

Monica Mosna:
Come professione svolgo appassionatamente quella di fotografa e mi sono sempre interessata di sport, soprattutto di sci: infatti faccio parte di una scuola di sci.
Alle scorse elezioni comunali di Trento mi sono candidata come consigliera comunale, appoggiando Claudio Cia come candidato sindaco.
TEMI: Commercio

 

*

Agire per il Trentino
Ufficio Stampa e Comunicazione

In data odierna alle ore 15.00 le scriventi organizzazioni sindacali hanno manifestato sotto il palazzo della Regione Trentino Alto Adige – Südtirol per protestare contro l’atteggiamento inconcludente dell’Apran, nonché per il disinteresse manifestato dal presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, teso a non voler concedere ai lavoratori prioritariamente quanto gli stessi da mesi si attendono e cioè fare un accordo applicativo per:

 

 

  • l’erogazione a tutti i lavoratori dell’Apss dei 5 milioni di euro di risparmi aziendali tramite una tantum di circa 800 euro media e da liquidarsi con lo stipendio di ottobre:
  • l’attribuzione dell’ulteriore fascia economica a chi ha compiuto 40 anni anch’essa  lo stipendio di ottobre:

Una volta concluso l’accordo di cui sopra riteniamo urgente procedere immediatamente con il tavolo contrattuale per la chiusura definita delle parti economiche e giuridiche ancora in sospeso del contratto 2016/2018.

Se l’Apran, nella prossima riunione, non ci darà un riscontro formale ed oggettivo rispetto a quanto sopra richiesto, valuteremo quali ulteriori azioni adottare a tutela degli interessi dei propri associati.

 

*

Giuseppe Varagone, segretario provinciale Uil Fpl sanità

Cesare Hoffer, Coordinatore provinciale Nursing Up Trento

Per rivedere on demand la diretta video clicca qui:

 

 

ExportInfografica2Trim2018

 

CSImportExport2Trim2018

Rovereto, i lavori di Corso Trento si potrebbero fare meglio. Passando per Corso Trento a Rovereto non si può non notare come il cantiere sul lato est del viale sia decisamente in ritardo sulla tabella di marcia preventivata. A ridosso dell’apertura delle scuole gran parte del marciapiede in una zona di forte passaggio di minorenni è ancora interdetta al transito dei pedoni i quali devono attraversare la strada o camminare sulla carreggiata veicolare, con notevole rischio per la propria incolumità.

Non solo. Nei giorni scorsi ho potuto notare come gli operai fossero indaffarati a demolire i nuovissimi scivoli pedonali, perché la loro pendenza non era adeguata alle norme di legge per favorire il passaggio delle carrozzine dei disabili. Un errore che chi dovrebbe essere chiamato puntualmente a controllare l’andamento dei lavori non è stato in grado di cogliere. Spero solo che il costo del “far e disfar” non sia a carico del solito contribuente cittadino.

Altra cosa che ho potuto notare è la pochezza dello spazio riservato alle piante in quelle che saranno le future aiuole verdi. Si sono messi dei tini di plastica di circa un metro di diametro e profondi altrettanto per delimitare gli spazi dove dovrebbero essere messe a dimora “delle piante già di adeguate dimensioni” come ha avuto modo di dichiarare l’assessore competente, in modo da garantire ai frequentatori del corso già la prossima primavera un sufficiente ombreggiamento (e non quella cosa ridicola che esiste sul lato opposto del corso, dove a distanza di anni dal completamento dei lavori, gli alberi hanno ancora uno sviluppo decisamente rachitico).

Ma se piante già piuttosto grandi devono essere, uno spazio così ridotto non è affatto idoneo ad ospitare il complesso radicale di una pianta adulta. Così come quella spanna di terra dedicata alle aiuole, terra gettata peraltro sopra avanzi e scarti di cemento, che avrà come conseguenza quello di dare poco respiro a quanto verrà piantato, oltre a generare possibili reazioni acide tra i composti del cemento fresco e la stessa terra, quando bagnata, con possibile danneggiamento delle radici di quanto vi verrà piantato.

E che dire della chicane posta all’ingresso di corso Trento per chi proviene da Corso Bettini? Chi è stato il genio a progettarla, per di più senza un’adeguata segnalazione verticale ed orizzontale (a norma di Codice della strada) di ristringimento della carreggiata che di notte si trasforma in un’autentica imboscata per pneumatici, cerchi e sospensioni delle automobili che andranno a cozzarvi contro in quanto non è minimamente percepibile da distanza sufficiente?

 

*

Mara Dalzocchio

Consigliere comunale Lega Rovereto

(Pagina 1749 di 3019)