Dalzocchio (Lega Salvini Trentino): elezioni suppletive: dalla sinistra “femminista” neppure una candidata, si faccia autocritica. Tra il dire e il fare, ammonisce un antico e noto adagio, c’è di mezzo il mare. Soprattutto a sinistra, mi viene da dire, schieramento che non perde occasione per dichiararsi femminista e promotore della presenza delle donne in politica, ma che poi alle belle parole non fa seguire i fatti.

Lo sottolineo con particolare riferimento alle prossime elezioni suppletive, per le quali mentre da un lato la Lega – accusata di essere medievale e retrograda – è intenzionata a proporre in Trentino una candidatura femminile, dall’altro il progredito centrosinistra, fino a questo momento, ha proposto solo candidature maschili.

Un’anomalia che intendo evidenziare perché il centrosinistra che non perde occasione per moraleggiare sull’argomento – basti pensare all’ultima seduta di Consiglio regionale, durante la quale la sottoscritta e il consigliere Giulia Zanotelli non hanno potuto fare a meno di replicare -, davvero non ha titoli per farlo.

Spero dunque che, prendendo spunto da questo certo non virtuoso esempio delle elezioni suppletive, a sinistra – anziché sermoneggiare sull’uso delle parole consigliera, sindaca o ministra – inizino a fare un’autocritica quanto mai necessaria.

E’ questo quanto dichiarato in una nota dal Consigliere provinciale Mara Dalzocchio.

Protezione civile: giovedì allerta in tutto l’Alto Adige. La Protezione civile provinciale ha proclamato lo stato di allerta in tutto l’Alto Adige dalla mezzanotte di giovedì 4 aprile sino alle 13 di venerdì 5 aprile.

Giovedì 4 aprile sono attese in Alto Adige fino a 80 mm di precipitazioni, con il limite della neve che potrà scendere anche fino a 1.000 metri di altitudine. Per questa ragione il direttore dell’Agenzia per la Protezione civile, Rudolf Pollinger, ha presieduto la riunione al Centro funzionale provinciale cui hanno preso parte rappresentanti del Servizio meteorologico della Provincia, del Servizio valanghe dell’Ufficio idrografico, dell’Ufficio bacini montani, della Ripartizione foreste, dell’Ufficio Geologia e prove materiali, della Centrale viabilità e del corpo permanente provinciale dei vigili del fuoco. Nell’ambito della riunione è stato proclamato lo stato di allerta Alfa (giallo) per la giornata di giovedì 4 aprile a partire dalla mezzanotte e fino alle 13 di venerdì 5 aprile. Ciò significa che per la Protezione civile è in arrivo un evento rilevante che va monitorato attentamente. Tutte le parti coinvolte verranno avvertite e ptranno adottare i provvedimenti adeguati. Anche la popolazione viene avvisata dell’evento in arrivo, in modo da non essere colta impreparata.

Evento meteo rilevante, le previsioni

Il meteorologo della Provincia Günther Geier nel corso del colloquio ha preannunciato per la giornata di giovedì si prevede un forte Stau proveniente da sud con precipitazioni comprese fra i 20 e gli 80 mm. Il limite delle nevicate che attualmente si attesta sui 1.800 metri presumibilmente si abbasserà sino a 1.000 metri. Le previsioni meteo parlano inoltre di vento da forte a molto forte proveniente da sud. Nella giornata di venerdì le condizioni meteo miglioreranno. Giovedì, ha previsto l’esperto di valanghe Lukas Rastner, il pericolo valanghe salirà al livello 4 (su una scala di 5) e dunque non è da escludersi il distacco di grandi valanghe. A Nova Levante e Nova Ponente, ha messo in guardia la Ripartizione foreste, potrebbero verificarsi problemi a causa delle intense precipitazioni dal momento che in questa zona il territorio è in gran parte deforestato e dunque la forza di assorbimento del bosco risulta sensibilmente ridotta. Il Rio Nero e il Rio Ega potrebbero essere costretti ad accogliere grandi quantità d’acqua. Non sono previste esondazioni, tuttavia potrebbero verificarsi danni ai cantieri dei corsi d’acqua. Potrebbero inoltre verificarsi piccole frane e cedimenti di terreno, ha chiarito il geologo della Provincia Volkmar Mair. Secondo la Centrale viabilità si prevede traffico intenso poiché si tratta di un normale giorno lavorativo. Nelle zone di maggiore altitudine come da Vipiteno in su, nella zona di Passo Resia e in Alta Pusteria i mezzi dovranno avere a bordo l’attrezzatura invernale. A causa dell’abbassamento del livello della neve a quota 1.000 metri è possibile che le precipitazioni nevose interessino i centri abitati e le vie di collegamento principali.

La procedura d’emergenza

L’annuncio della proclamazione dello stato di allerta è stata diramata oggi al Commissariato del Governo, a tutti i Comuni (sindaco e vicesindaco), vigili del fuoco volontari, Ripartizione foreste e Area funzionale bacini montani, Agenzia per l’ambiente, Ufficio geologia, Servizio strade e la società ferroviaria RFI. Venerdì (6 aprile) è previsto un nuovo incontro del Centro funzionale provinciale per fare il punto della situazione. Ulteriori informazioni sono disponibili sulla homepage della Protezione civile.

Ventiquattro sfere di cristallo, di cui diciotto di specialità e sei assolute. Tanti sono i trofei che, da mercoledì 3 a sabato 6 aprile, verranno assegnati sulle nevi di Madonna di Campiglio, per il secondo anno consecutivo scelta come sede delle finali di Coppa del Mondo di sci alpinismo.
Gli ultimi verdetti della stagione verranno emessi nel suggestivo scenario delle Dolomiti di Brenta, grazie all’organizzazione del collaudato staff del Comitato 3Tre e dell’ApT di Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena.

La prima delle tre gare in programma è la spettacolare sprint, che si terrà nel pomeriggio e nella serata di domani (3 aprile) sul pendio del celebre Canalone Miramonti, lo stesso che, ogni anno, è teatro della 3Tre di Coppa del Mondo di sci alpino.

Il via alla competizione verrà dato alle 16,30 con le prove di qualificazione, mentre le batterie di finale a eliminazione diretta scatteranno alle 20. La fase conclusiva dell’evento si svolgerà in notturna, sotto la luce dei riflettori, con il pubblico che potrà seguire l’intero sviluppo della gara dall’accogliente parterre del “Miramonti”.
L’osservato speciale sarà il valtellinese Robert Antonioli, il dominatore dei Mondiali 2019 disputati a Villars e attuale leader di Coppa del Mondo. Antonioli sarà la punta di diamante dell’agguerrita pattuglia italiana, competitiva in ogni categoria. C’è grande attesa anche per lo skialper di Vermiglio Davide Magnini, in corsa per la sfera di cristallo tra gli espoir, e per le altre due trentine Valeria Pasquazzo e Lisa Moreschini, quest’ultima al debutto nel massimo circuito internazionale.

Nella sprint senior maschile gli atleti da battere saranno gli svizzeri, a partire dal campione del mondo in carica Arno Lietha (leader di Coppa di specialità tra gli espoir) e dall’argento iridato Iwan Arnold, che comanda la graduatoria senior davanti all’austriaco Zugg e ad Antonioli.

Quest’ultimo punterà a difendersi nella gara veloce, per poi puntare sulle altre due prove in programma, la vertical race di giovedì 4 aprile e la individuale di sabato 6 aprile, le due specialità di cui è rispettivamente vice campione e campione del mondo in carica. Anche tra gli junior il candidato numero uno alla conquista della sfera di cristallo della sprint è uno svizzero, Patrick Perreten. Medesimo discorso per la categoria senior femminile, con Marianne Fatton al comando della graduatoria di specialità, mentre tra le espoir si profila un derby francese tra Milloz e Bonnel. Più aperta e incerta la sfida tra le junior, con la russa Osichkina e la giovane azzurra Samantha Bertolina separate di 20 punti l’una dall’altra (200 contro 180).

Giovedì 4 aprile alle ore 17,30, invece, i migliori skialper al mondo si confronteranno sulla pista Spinale Diretta per la vertical race, mentre la chiusura spetterà sabato 6 aprile alla prova individuale, sul tracciato della storica Ski Alp Race Dolomiti di Brenta, giunta quest’anno alla 45esima edizione.
Sempre giovedì, ci sarà un’altra gradita novità legata a questa edizione delle finali di Coppa del Mondo, la cena-evento “SkiMo Party”, prevista alle ore 19,30 allo Chalet Fiat, al termine della gara vertical sullo Spinale. All’iniziativa prenderanno parte tutti gli atleti e i tecnici, ma non solo.

 

*

LE CLASSIFICHE DI COPPA DEL MONDO

Classifica generale senior maschile: 1. Robert Antonioli (Ita) p. 580; 2. Anton Palzer (Ger) 546; 3. Michele Boscacci (Ita) 410; 4. Jakob Herrmann (Aut) 347; 5. Werner Marti (Svi) 345.

Classifica generale senior femminile: 1. Claudia Galicia Cortina (Spa) p. 559; 2. Nahia Quincoces Altuna (Spa) 534; 3. Alba De Silvestro (Ita) 445; 4. Marianne Fatton (Svi) 405; 5. Axelle Gachet Mollaret (Fra) 388.

Classifica generale espoir maschile: 1. Thibault Anselmet (Fra) p. 505; 2. Davide Magnini (Ita) 497; 3. Samuel Equy (Fra) 462.

Classifica generale espoir femminile: 1. Giulia Murada (Ita) p. 720; 2. Lena Bonnel (Fra) 485; 3. Ilaria Veronese (Ita) 370.

Classifica generale junior maschile: 1. Aurelien Gay (Svi) p. 550; 2. Giovanni Rossi (Ita) 519; 3. Patrick Perreten (Svi) 508; 4. Sebastien Guichardaz (Ita) 501.

Classifica generale junior femminile: 1. Ekaterina Osichkina (Rus) p. 900; 2. Samantha Bertolina (Ita) 530; 3. Valeria Pasquazzo (Ita) 450.

Classifica sprint senior maschile: 1. Iwan Arnold (Sui) p. 180; 2. Daniel Zugg (Aut) 172; 3. Robert Antonioli (Ita) 145.

Classifica sprint senior femminile: 1. Marianne Fatton (Sui) p. 200; Claudia Galicia Cortina (Spa) 160; 3. Nahia Quincoces Altuna (Spa) 133.

Classifica sprint espoir maschile: 1. Arno Lietha (Sui) p. 180; 2. Hans-Inge Klette (Nor) 130; 3. Nicolò Canclini (Ita) 124.

Classifica sprint espoir femminile: 1. Adèle Milloz (Fra) p. 200; 2. Lena Bonnel (Fra) 160; 3. Giulia Murada (Ita) 120.

Classifica sprint junior maschile: 1. Patrick Perreten (Sui) p. 200; 2. Giovanni Rossi (Ita) 121; 3. Aurélien Gay (Sui) 120.

Classifica sprint junior femminile: 1. Ekaterina Osichkina (Rus) p. 200; 2. Samantha Bertolina (Ita) 180; 3. Valeria Pasquazzo (Ita) 130.

L’amministrazione provinciale, in accordo con Trentino trasporti Spa, ha attivato un servizio di controllo straordinario sugli autobus considerati maggiormente a rischio sicurezza, nel tentativo di scongiurare episodi di degrado o spaccio di sostanze stupefacenti.

Il Presidente della Provincia Maurizio Fugatti nel primo pomeriggio di oggi, durante la conferenza stampa convocata presso l’autostazione di Trento, il Questore di Trento Giuseppe Garramone ha fatto il punto sull’attività di contrasto allo spaccio di stupefacenti recentemente intensificata sui mezzi di trasporto pubblico in Trentino.

Il Consigliere Devid Moranduzzo ci tiene a sottolineare “Non ci può essere spazio per queste forme di criminalità, siamo convinti di essere sulla strada giusta per evitare che i nostri giovani entrino in contatto con sostanze stupefacenti anche in via incidentale ed esprimo tutto il mio appoggio al Presidente che dimostra, ancora una volta, di ascoltare le segnalazioni dei cittadini e di adoperarsi in tal senso per risolvere i problemi.

Questo dimostra che quando si vuole, si può fare. Abbiamo il dovere morale di permettere ai genitori di essere sereni quando i loro figli viaggiano sui mezzi pubblici”.

È questo quanto dichiarato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Trentino DEVID MORANDUZZO

Lo storico complesso dell’Hotel Carlton di Treviso (comprendente oltre all’albergo, il cinema Embassy, il ristorante l’Incontro e la storica Porta Altinia) passa di mano. Dopo cinquant’anni di gestione della famiglia Amadio è stato acquisito dalla società veneziana Hotel Carlton Treviso srl. I dettagli del closing e dei progetti di sviluppo sono stati illustrati oggi, martedì 2 aprile 2019, nell’ambito di una conferenza stampa tenutasi nell’albergo cui sono intervenuti il Vice Sindaco di Treviso, Avv. Andrea De Checchi, gli acquirenti, l’Avv. Sandro Trevisanato con i figli Sara e Andrea, per i venditori, Nicoletta e Barbara Amadio, e Giacomo Benvegnù, storico gestore da 49anni del ristorante l’Incontro.

Soddisfazione espressa dal ViceSindaco di Treviso, Avv. De Checchi, per l’operazione presentata oggi, in particolare per la scelta di creare un centro congressi nel cuore della città, visto che a tutt’oggi mancava. Inoltre ha sottolineato l’impegno del Comune a riqualificare l’area, pedonalizzando la piazzetta antistante il ristorante l’Incontro e l’ingresso dell’albergo, mantenendo la viabilità attuale. Ribadita l’importanza strategica di quest’area quale punto di accesso principale alla città storica, confermata anche dall’istituzione di un collegamento diretto via bus con l’aeroporto internazionale A.Canova.

“Abbiamo raccolto con entusiasmo la possibilità offertaci dalla famiglia Amadio di acquisizione del complesso dell’Hotel Carlton, – spiega l’Avv. Sandro Trevisanato-, di rilievo, non solo turistico, ma dal grande valore storico e culturale. Comprende infatti Porta Altinia, una delle tre antiche porte di accesso che si aprono sulle mura cinquecentesche di Treviso, ubicato in un sito dal grande impatto scenografico. La sfida dell’acquisto e restauro di questo complesso è stata assunta tramite la società Hotel Carlton Treviso s.r.l. che fa capo alla sola nostra famiglia, la quale da decenni sta investendo nel settore alberghiero ed è una delle tre famiglie venete che raggruppano le loro proprietà alberghiere sotto il marchio Apogia. Tale brand rappresenta oggi 30 hotels in Italia e in Francia (a Parigi e Nizza). Le strutture di Treviso saranno seguite direttamente dai miei due figli, Sara e Andrea, e spero che la passione e la competenza di questi giovani manager le sappiano rilanciare nel mercato turistico della Marca e non solo”.

Il restauro, di tipo migliorativo nella parte esterna ed interna, prevede interventi cadenzati in più anni per portare il Carlton a livello di un 4 stelle superior con la creazione di varie sale congressi e di una palestra e spa per offrire maggiori servizi alla clientela.

“Non intendiamo modificarne il profilo della struttura esterna, – continua Trevisanato- ma adeguare l’edificio ai più recenti standard di efficienza energetica, valutando la possibilità di fruire di fonti green, e adattarlo al contesto di rilevanza storica in cui è ubicato, seguendo le indicazioni che ci saranno date da sovraintendenza alle belle arti e dalle autorità comunali. Nel dettaglio, per la parte interna intendiamo integrare l’area del cinema con l’hotel, creando un nuovo ingresso, ove esiste ora l’ingresso del cinema, che fungerà da hall dell’albergo e di un centro congressi, con un auditorium per 300/500 persone e altre sale riunioni da crearsi per un totale di circa 2000 mq. di spazi destinati a riunioni, meeting e manifestazioni. Intendiamo inoltre ampliare l’area dedicata alla ristorazione con l’utilizzo del magnifico terrazzo sopra il bastione che ha già goduto di un eccellente restauro effettuato di recente dalla famiglia Amadio. Sul fronte dei parcheggi potremo contare, oltre che degli stalli dell’Hotel, degli spazi comunali adiacenti di cui l’Amministrazione ha ventilato la possibilità di regolamentarne l’accesso in occasione degli eventi, non modificando la viabilità dell’area e grazie a un accordo con la società Apcoa di ulteriori posti nel garage DalNegro, sito a soli 400 mt di distanza”.

Ottimismo infine espresso dall’Avv. Trevisanato sulla sinergia con la pubblica amministrazione: “Abbiamo manifestato soddisfazione nei confronti dell’impegno del Comune a migliorare in termini ambientali l’area e a organizzare eventi e manifestazioni con cadenza regolare nei prossimi anni. Inoltre è già stata ipotizzata la possibilità di una gestione mista pubblico/privato per riqualificare il giardino tra le mura e il corso d’acqua su cui si affaccia una uscita di sicurezza del cinema Embassy”.

 

Ordini e Collegi professionali al Ministero della Giustizia per l’equo compenso

Conferenza stampa che si terrà domani alle ore 14.00 di fronte alla stazione delle autocorriere di Trento. Domani, 3 aprile 2019, alle ore 14.00 si terrà una conferenza stampa per denunciare il taglio dei trasporti per i richiedenti asilo e rifugiati da parte della Giunta Fugatti. Nella stessa occasione verrà lanciata una raccolta fondi per sostenere la spesa degli abbonamenti dei richiedenti asilo e il gazebo solidale che si farà una volta alla settimana.

 

*
Assemblea Antirazzista Trento

Il Comitato Direttivo di Civica Trentina ha deliberato che la sig. Marika Poletti si è posta su posizioni politiche non compatibili con i valori e le idee politiche del Movimento e, pertanto, non può continuare a far parte, a qualsiasi livello, di Civica Trentina.

E’ arrivata allo scrivente la segnalazione di criticità nella consegna della posta nel Comune di Giovo: di fatto da circa tre settimane non viene consegnata la posta. Mi è stato confermato che il mancato recapito della corrispondenza è da ricondurre allo spostamento del centro di smistamento della posta da Cembra a Trento, e al conseguente aumento della mole di lavoro sulla città.

I cittadini hanno cercato invano di contattare telefonicamente il centro di smistamento per chiedere informazioni. Si presume che il problema non interessi solo il Comune di Giovo, ma il ritardo sia generalizzato su tutta la Valle, in quanto il centro di smistamento della posta di Cembra gestiva la corrispondenza di tutto il territorio della Valle di Cembra.

Premesso quanto sopra, si interroga la Giunta Provinciale per sapere se sia a conoscenza di quanto sopra esposto, se la criticità riguardi soltanto Giovo o tutta la Valle e quali azioni intende intraprendere per affrontare questa problematica.

 

*

Cons. Claudio Cia

 

question time - disagi posta Val di Cembra

Dopo il successo di pubblico riscosso a febbraio dal concerto dei Nouvelle Vague, prosegue la quarta edizione di Transiti – Musiche in movimento, rassegna del Centro Servizi Culturali S. Chiara che indaga l’attualità musicale ed esplora nuovi territori sonori. Il penultimo appuntamento della stagione propone venerdì 5 aprile, al Teatro SanbàPolis di Trento, l’esibizione del sassofonista statunitense COLIN STETSON, artista al tempo stesso virtuoso e sperimentale nell’approccio allo strumento. La sua performance sarà preceduta da quella della sassofonista emiliana Laura Agnusdei.

Originario del Michigan, ma da più di un decennio residente a Montréal, in Canada, il quarantaquattrenne Colin Stetson suona vari tipi di sassofono adoperando respirazione circolare, multifonìe, vocalizzazioni e percussione dei tasti. Ragion per cui all’ascolto sembra una band, anziché un solista. Tuttavia, per quanto sia tecnicamente fenomenale, Colin Stetson non va considerato banalmente un funambolo dello strumento, poiché riesce a infondere in ciò che fa emozioni profonde. Ne è un esempio il suo ultimo lavoro “All This I Do for Glory”, nel quale si misura con la dimensione del “dopo vita” e racconta in quella luce “una storia d’amore cupa, ispirata alla tragedia greca”. Come in tutti i dischi precedenti, anche in questo le note di copertina specificano che è stato suonato e registrato interamente in presa diretta, senza ricorrere a successive sovraincisioni o manipolazioni, benché ascoltandolo non ci si creda.

In attività da una quindicina di anni, Colin Stetson è titolare di un consistente repertorio discografico, nel quale spicca la trilogia “New History Warfare”, realizzata fra il 2007 e il 2013. Enigmatico e affascinante, metodico e selvaggio, il suo estro travolge qualsiasi classificazione e lo pone fuori dalle categorie convenzionali, essendo la musica di cui è artefice affine tanto al jazz radicale quanto alle avanguardie elettroniche contemporanee.
Strumentista ricercatissimo, già partner di stelle “alternative” quali Arcade Fire, Bon Iver e TV On The Radio, nonché al fianco di pesi massimi come Tom Waits e David Gilmour, Stetson è inoltre autore assai richiesto dai produttori cinematografici: ultima testimonianza in quel senso è la colonna sonora da lui realizzata per l’horror di culto “Hereditary”.

Il compito di aprire la serata spetterà alla sassofonista emiliana LAURA AGNUSDEI, un tempo nei ranghi dei Julie’s Haircut e ultimamente solista con base in Olanda, di recente autrice dell’album “Night/Lights”.
L’appuntamento con Colin Stetson e Laura Agnusdei è per venerdì 5 aprile, a partire dalle ore 21.00, presso il Teatro SanbàPolis di Trento. Il prezzo del biglietto d’ingresso è di 10 euro (posto unico non numerato), con una riduzione a 8 Euro per gli Under 26 e a 5 Euro per gli studenti universitari.

(Pagina 1 di 5)